32
Nuove dichiarazioni di Kylian Mbappé, l'attaccante del PSG ha parlato a RMC Sport.

Kylian, ti senti sollevato?

"Sono sollevato, ma ormai faceva un po' parte della mia vita quotidiana. La mia priorità è sempre stata il campo. La trattativa si è fatta lunga, così ho imparato a divitermi tra le due cose, a concentrarmi sul campo e a riflettere per prendere la decisione migliore fuori".

Perché hai scelto il PSG rispetto al Real Madrid?

"Ho scelto il PSG, ma non solo il PSG. Ho scelto anche la Francia. Non ho detto no al Real Madrid, ho solo detto sì alla Francia e al PSG. È un fattore importante. Volevo continuare ancora un po' nel mio paese che mi ha dato tutto. Comincio a capire l'importanza, mi è stato anche fatto capire, che avevo qui, in Francia. E partire così, per giunta gratis... Anche se so che sarei uscito dalla porta principale. Quando dico "essere un grande giocatore", è dentro ma anche fuori dal campo. Fare questo gesto alla Francia e al PSG, credo sia stato importante".

Ti sei sentito come se non avessi finito quello che avevi iniziato?

"Penso che la mia storia al PSG non fosse finita. Sarei partito da grande giocatore, ma non da giocatore emblematico. Ho sempre detto che volevo fare la storia. Devi fare la storia, non solo raccontarla. Con questo nuovo contratto mi do l'opportunità di segnare definitivamente la storia del PSG".

Essere in prima linea in questo progetto, cosa significa per te?

"Non sono lassù. Io ovviamente sono un elemento centrale del progetto, ma non sono tutto lì. Mi dà un po' fastidio perché sono ancora un giocatore. Quello che mi rende quello che sono è che sono rimasto un giocatore. Ho sentito molte cose, purtroppo è già iniziato: “Kylian non lo vuole, Kylian lo vuole...” Non sono bravo a reclutare. Sto bene in campo. Certo devi investire, ma non devi credere che io abbia tutti i poteri del club, il libretto degli assegni in tasca. Voglio aiutare il club a crescere sotto tutti gli aspetti in modo che il PSG sia un posto centrale nel calcio, ma penso che arriverà prima di tutto attraverso il campo".
Un cambiamento di progetto sportivo dovrebbe passare attraverso cambiamenti alla guida del settore sportivo?

"Penso che sia una ristrutturazione globale del club. Quando il tuo club è strutturato, ti prende uno slancio. Uno slancio che ti rende più forte per resistere agli attacchi esterni, che ti rende più forte per affrontare eventi importanti. Oggi possiamo vedere che al club abbiamo questo problema. Perché abbiamo molte persone, giocatori o outsider, che hanno avuto traumi passati, in relazione alla Champions League o alle sconfitte del titolo. Penso che ci sia anche questo lato emotivo da gestire. È tutto un insieme di cose. Non si tratta solo di cambiare i giocatori, l'allenatore, il direttore sportivo. Penso che il club lo abbia già fatto. A volte funzionava, a volte non così tanto".

Cosa vorresti cambiare prima negli spogliatoi?

"Non è il mio ruolo cambiare ciò che deve essere cambiato, è responsabilità dei dirigenti, dei giocatori importanti. Penso che tu debba creare un'anima".

E' mancata, pensi?

"Per tutte le grandi cose che ho vinto, c'era un'anima nella nostra squadra, anche quando abbiamo fatto le quadruple nazionali con il PSG, quando abbiamo vinto il campionato con il Monaco, il Mondiale con la Francia, la Lega delle Nazioni. Una stagione non è mai lineare, che la tua squadra sia fantastica o che faccia schifo, una stagione non è mai lineare. Ma l'anima del tuo spogliatoio, l'anima della tua squadra, farà in modo che quando la barca dondola, saremo tutti insieme. Questo è ciò che è più importante e ciò che forse ci è mancato in passato, mi ci includo".

Qual è la tua ambizione finale al PSG?

"Vincere la Champions League è l'ambizione suprema. Non farò un monologo di cinque minuti per raccontare canards, ma penso che sia la fine. Non credo che dovremmo saltare i passaggi. Siamo in questo periodo di ristrutturazione, ma l'obiettivo è sempre vincere la Champions. Non diremo che siamo in una stagione di transizione. Il Paris Saint-Germain non è un club di transizione. Ma ci sono passi da fare durante tutto l'anno per essere pronti a queste scadenze che sono importanti per il club".