101
Prima della tradizionale conferenza stampa della vigilia, Sinisa Mihajlovic ha rilasciato queste dichiarazioni a Milan Channel: "E' una gara difficile, il Sassuolo è una delle squadre più in forma. Domani dobbiamo fare di tutto per vincere, ci servono i tre punti. L'atmosfera allo stadio non sarà il massimo, ma tocca a noi riportare entusiasmo tra i tifosi. Stiamo lavorando per trovare un po' di continuità, a volte abbiamo troppa paura, ma sono sicuro che ci riusciremo. Io credo in questi ragazzi".

Sul gioco della squadra: "Voglio ringraziare Ancelotti, Sacchi e Capello che hanno rilasciato parole positive su di me, mi fa molto piacere. Io sono quello che voglio fare e sicuramente ci riuscirò. Ho le caratteristiche morali per fare bene nel Milan, se non ci riesco io bisognerebbe chiamare un esorcista".

Sul modulo: "Non c'è un modulo che ti fa vincere le partite. La cosa principale è l'atteggiamento, la rabbia e la voglia di vincere. In queste settimane stiamo lavorando sul 4-3-3 e sul 4-4-2. Purtroppo abbiamo quasi tutti gli attaccanti fuori, anche Bacca oggi si allenerà per la prima volta e quindi non è sempre facile scendere in campo con le due punte dall'inizio".


Mihajlovic ha poi preso la parola nella sala stampa di Milanello, provando a spiegare l'attuale momento di difficoltà del Milan: "So come funziona il calcio, se non ci sono i risultati il calcio ha le sue regole. Credo che prima di cambiare un allenatore bisogna vedere se la squadra sta con il tecnico oppure no. Questo non è il caso del Milan, i ragazzi stanno lavorando duramente per uscire da questo momento difficile. Io sono convinto di risolvere i problemi del Milan".
Sul rapporto con Berlusconi:  "Ho un ottimo rapporto, anche l'ultima volta mi ha detto di stare sereno, anche se poi mi hanno detto che in politica questa parola non è molto positiva (ride, ndr). Sono orgoglioso di poter parlare spesso con lui, discutiamo sia di calcio che di altro. Ho grande rinoscenza nei suoi confronti e in Galliani per l'opportunità che mi hanno dato. Qaundo le cose non vanno bene a me dispiace prima di tutto per il presidente. Io non sono uno a cui piace avere debiti, quindi cercherà di saldarli".

Sulla crisi perdurante del Milan: "In questo momento non siamo un top club mondiale, ma stiamo cercando di ritornare ad esserlo. Serve tempo, negli ulti anni il milan ha perso la sua spina dorsale, lo zoccolo duro. Anche le altre squadre quando perdono giocatori importanti poi hanno delle difficoltà. Non so quanto ci vorrà, serve un po' di pazienza. Questa squadra ha qualità e può fare certamente di più. Se facciamo un po' di vittorie possiamo risalire la classifica. Domani però non sarà facile, il Sassuolo è una delle squadre più in forma".

Sulle condizioni fisiche di Balotelli: "Non sta bene, ci sono momenti in cui migliora e altri in cui peggiora. Alcuni giorni ha dolore, mentre altri no. Sta lavorando, sta facendo le cure giuste per la pubalgia, speriamo di recuperarlo il prima possibile. E' una cosa più grave rispetto a quello che ci si aspettava".