403
Sandro Tonali per chiudere la pagina dei riscatti e poi il via libera per una nuova pagina di mercato. In casa Milan si procede con grande calma per la programmazione della prossima stagione e di un mercato che per ora ha visto l'uscita di cifre importanti per il riscatto di Tomori e per l'arrivo di Maignan al posto di Donnarumma, ma che non avrà nell'immediato un'ulteriore scatto economico se non quello per il riscatto, appunto, del centrocampista tornato oggi al Brescia dopo la scadenza della clausola pattuita un anno fa.

4 CESSIONI PER FINANZIARE IL MERCATO - Tanti nomi, tanti obiettivi e l'idea di replicare quanto fatto negli anni passati con operazioni in prestito e con cifre già prefissate per il riscatto. C'è però una variabile che potrebbe aiutare Maldini e Massara a portare avanti numerose operazioni in entrata e sono le cessioni di 5 giocatori attualmente sotto contratto ma che non fanno più parte dei progetti tecnici del club.
DA LEAO A CONTI -
Il primo e più importante è sicuramente Rafael Leao che ha tanti estimatori lontano dall'Italia e che, tramite l'agente Jorge Mendes, sta cerando di trovare una sistemazione che garantisca un'introito di non meno di 30 milioni e con il Borussia Dortmund oggi più avanti delle rivali. Tommaso Pobega, rientrato dal prestito allo Spezia è vicinissimo al sì all'Atalanta con una cifra che può avvicinarsi ai 12 milioni di euro. Poi c'è Jens Pette Hauge che Pioli non vede centrale nel suo progetto e che ha estimatori forti in Bundesliga. Infine ci sono Andrea Conti e Mattia Caldara, entrambi rientrati a Milanello da Parma e Atalanta rispettivamente. Per il primo c'è la Sampdoria interessata, ma servono non meno di 5 milioni per evitare minusvalenze. Per il secondo, invece, dopo un anno passato praticamente in panchina e i noti problemi fisici, non c'è grande concorrenza. Inizierà il ritiro in rossonero e poi si valuterà il suo futuro.