108
Bee Taechaubol e Fininvest ci hanno provato, contatti continui tra le parti per limare i dettagli dell'operazione ma con ogni probabilità dovranno disattendere le speranze di Silvio Berlusconi: il closing per il passaggio del 48% delle quote del Milan al broker thailandese in cambio di 480 milioni di euro non avverrà entro la fine dell'anno. Non sono previsti viaggi in Italia di Mr. Bee entro la fine di questo anno e si va dunque verso lo slittamento al 2016.

OTTIMISMO - Dispiacere per non aver ancora chiuso l'operazione (avviata da quasi un anno, ufficiale da circa nove mesi e caratterizzata da continui rimandi), ma sia in ambienti Fininvest sia in quelli legati a Taechaubol regna massimo ottimismo sulla possibilità di arrivare a una conclusione positiva: settimana prossima Mr. Bee potrebbe contattare direttamente Berlusconi (conference call tra i due) per fare un punto della situazione e aggiornare l'agenda dei prossimi appuntamenti e impegni.
MERCATO SENZA REGALI? - Quello che più preoccupa i tifosi rossoneri però è come questa situazione possa avere ripercussioni sul mercato di riparazione: se il closing fosse arrivato entro Natale come auspicato da Berlusconi il Milan avrebbe potuto contare su una disponibilità maggiore per arrivare ad alcuni pezzi pregiati a gennaio. Come la scorsa estate invece sarà ancora l'attuale numero uno del club a finanziare le prossime operazioni chiedendo ad Adriano Galliani di agire con oculatezza per rinforzare la rosa: diventa cruciale dunque la gestione degli esuberi, perchè dalle loro cessioni e dal risparmio su alcuni ingaggi pesanti (situazioni calde quelle di de Jong, Diego Lopez, Honda e Nocerino) il Milan può ricavare linfa vitale per supportare alcuni acquisti mirati che possano rinforzare la rosa a disposizione di Mihajlovic. 

Federico Albrizio
@Albri_Fede90