195

 Maignan 6,5: si sporca i guantoni per la prima volta al 30' del secondo tempo per deviare una conclusione insidiosa di Lemar. Non può nulla sulla girata fulminea di Griezmann, si esalta nei minuti di recupero su un altro bolide del francese.

Calabria 6,5: altra ottima prestazione sia in fase offensiva che in fase difensiva, sbaglia poco e nulla. Nel finale di gara si sacrifica anche da centrocampista centrale. 

Tomori 7: dominante, copre 40 metri di campo con potenza e velocità. Suarez gli gira a largo, è un difensore ormai di livello internazionale.

Romagnoli 5,5: sul gioco aereo si fa sentire, molto meno sicuro quando l'Atletico prova le sortite palla a terra in velocità. Lascia troppo spazio a Griezmann che non si fa pregare e gela San Siro.

Theo Hernandez 6,5: non concede nulla in fase difensiva, riesce spesso a trovare campo per ribaltare l'azione. 

Kessie 4: Franck, non ci siamo. Conferma le cattive impressioni destate in questo avvio di stagione, distratto da una situazione contrattuale tutta ancora da definire. Commette due ingenuità in 30 minuti che non possono essere tollerate a questi livelli. Espulsione forse severa ma che penalizza oltremodo un bel Milan.

Bennacer 7: è tornato il vero Ismael: sempre pronto al raddoppio, ad arrivare primo sulle seconde 'palle', a dare sostanza al centrocampo. Molto bene anche quando deve gestire il gioco nella seconda frazione.(dal 36' st Kalulu 5: troppo irruento su Lemar nel finale, ingenuità che costa un punto)

Saelemaekers 6,5: i compagni lo cercano e lui riesce sempre a dare ampiezza al gioco. si muove tantissimo senza dare punti di riferimento, esce stremato. (dal 36' st Florenzi 5: si addormenta nella marcatura su Renan Lodi che serve Griezmann sul gol del pari. Poi ne sfiora anche uno, ma è troppo tardi)

Brahim Diaz 7: pensa e gioca in verticale, con qualità e una velocità impressionante. Manda in porta Rebic con un pallone delizioso, serve un assist con il contagiri per il gol di Leao. Esce tra gli applausi di San Siro. (dal 12' st Ballo Tourè 5,5: tanta confusione per l'ex Monaco)

Rafael Leao 7,5: il portoghese è il valore in più di questa squadra. Quando parte palla al piede per l'Atletico sono sempre dolori. Freddo sotto porta sull'invito del gemello Brahim: finchè ha benzina in campo domina la scena. (dal 12' st Giroud 5,5: nei primi 15 minuti non riesce a tenere su un pallone, migliora con il passare dei minuti ma è ancora lontano dalla migliore condizione)

Rebic 5,5: ha un'occasione enorme per sbloccare la partita ma calcia troppo centralmente a tu per tu con Oblak. Abbiamo assistito migliori esibizioni dell'attaccante croato. (dal 35' pt Tonali 6,5: entra bene in campo, con intensità e grande carattere. Vince tutti i duelli a centrocampo)

Pioli 6,5: prepara alla perfezione la partita, il Milan nel primo tempo mette all'angolo l'Atletico Madrid. I cambi questa volta non gli sorridono, ma per molti la benzina era finita. 

ATLETICO MADRID
Oblak 7:
un alieno quando riesce a chiudere la porta su Rebic. Guida con grande serenità la linea difensiva anche nei momenti più difficili. 

Gimenez 6: roccioso, usa spesso le maniere forti. 

Felipe 6,5: salva il risultato chiudendo due volte su Leao pronto a calciare in porta da posizione vantaggiosa. Ci mette coraggio, senso tattico e grande intelligenza tattica. 

Hermoso 5,5: in affanno per tutto il primo tempo, costringe Simeone al cambio.(dal 1' st Renan Lodi 6,5: spinge molto lungo la sua corsia, è un martello. Serve un assist perfetto per Griezmann e calcia bene anche in porta)

Trippier 5,5: troppo lineare nel suo gioco, è facilmente leggibile dagli avversari che vanno a una velocità diversa. (dal 41' pt Joao Felix 5,5: pochi lampi per il talento portoghese, può e deve fare di più)


 Kondogbia 6: due conclusioni alte di poco, tanta legna a centrocampo. Prende un giallo evitabile che lo condiziona.  (dal 19' st Lemar 6,5: vivace, si rende protagonista dell'episodio del rigore. Dove è lui a toccare per primo il pallone con la mano)

Koke 5,5: entra tardi in partita, fa fatica con il grande pressing di Bennacer e Tonali. (dal 16' st Griezmann 7: cambia diametralmente la partita: segna un gol pesantissimo con una girata pazzesca, ci va vicinissimo anche dieci minuti dopo)

Llorente 6: ha gamba e conoscenze, regge botta anche nei momenti di alta marea. 

Carrasco 5: assente ingiustificato della partita. Non vede palla per 45 minuti. (dal 1' st De Paul 6: bene nel recupero del pallone, meno quando vuole concludere in porta)


Correa 6: si muove tanto tra le linee, cercando spesso l'imbucata per gli attaccanti. Senza infamia e senza lode. 

Luis Suarez 6,5: sfiora prima il gol di testa con il pallone che esce a pochi centimetri dal palo con Maignan fermo. Esperienza e classe su quel rigore al 97'.

All. Simeone 6,5: mette dentro tanta qualità con i cambi e vince la partita.