91

Mr Bee arriverà nel fine settimana in Italia e questa volta dovrebbe essere quella giusta per chiudere il passaggio del 48% del Milan dalla Fininvest al suo gruppo di investitori per 480 milioni. Tutto nei tempi previsti, secondo quanto riferito da Calcio & Finanza, con il 30 settembre come data fissata (da tempo) per le firme.

DETTAGLI ANCORA DA LIMARE - Le parti stanno ancora lavorando su alcuni dettagli che riguardano i patti parasociali che disciplineranno i rapporti tra i due soci. Patti che dovranno portare alla prospettata quotazione del Milan alla borsa di Hong Kong. Un’operazione che dovrebbe avvenire attraverso un’offerta pubblica di vendita e sottoscrizione. In altre parole parte delle azioni da collocare in borsa sarebbero emesse nell’ambito di un aumento di capitale del club rossonero (fatto sia da Fininvest che da Mr Bee), che incasserebbe così parte dei proventi dell’ipo.

VALUTAZIONE COMPLESSIVA DA 1 MILIARDO - Il dettaglio più importante riguarda la quotazione complessiva che Finivest vorrebbe dare all'asset Milan e che vorrebbe venisse garantita da Mr Bee. Fininvest vorrebbe infatti avere la garanzia che la valutazione del 100% del Milan al momento della quotazione in borsa sia superiore al miliardo di euro, ovvero il valore attribuito da Mr Bee al club rossonero in questa fase. Per questo avrebbe chiesto di inserire nei patti una cosiddetta opzione put sulla sua partecipazione per fare in modo che, nel caso in cui la quotazione in borsa non raggiunga la cifra stabilita per la vendita delle azioni, Fininvest abbia comunque il diritto di cedere tale quota azionaria a Bee ad un valore prestabilito (con valutazione complessiva superiore a 1 miliardo). Una possibilità che, al momento, secondo quanto appreso da fonti vicine a Taechaubol, non sarebbe stata inserita nei patti.

ESPANSIONE DEL BRAND - Per Calcio&Finanza la vera scommessa riguarda il piano di espansione del brand sui mercati asiatici. Ma Mr Bee e i soci sembrano già in grado di contare su una rete commerciale avviata da sfruttare. 

ALTRI 240 MILIONI - Secondo La Repubblica, il piano prevede che dopo la quotazione Berlusconi venda a Mr. Bee il 24% delle proprie azioni incassando altri 240 milioni di euro, e che il nuovo terzo amministratore delegato avrebbe funzione di supervisore sugli altri due, Barbara Berlusconi e Adriano Galliani. 

ARRIVA LA SMENTITA Fininvest ha negato il tutto con una nota ufficiale: "Su alcuni giornali compaiono stamane indiscrezioni relative alla trattativa per la cessione di una quota di minoranza del Milan. Si tratta di indiscrezioni totalmente prive di fondamento".