A quasi due anni esatti dall'arrivo a Milano, Lucas Biglia potrebbe salutare i rossoneri. Sbarcato a Milanello come pedina fondamentale per il centrocampo di Vincenzo Montella e elemento chiave della rinascita rossonera, tanto da essere nominato vice-capitano dal duo Fassone-Mirabelli, l'ex Lazio non ha mai convinto appieno. L'ultima stagione, in particolare, ha regalato pochi sorrisi: dopo le dieci gare da titolare ad inizio stagione, è stato out per tre mesi a causa di una lesione muscolare. Poi, tanta panchina e alcuni episodi spiacevoli, come la lite con Kessié nel corso del derby

FUORI DAI PIANI - Il suo profilo, ad ora, è di troppo. Il giocatore, infatti, non rientra nelle idee tecniche e tattiche di Marco Giampaolo, oltre che rappresentare uno stipendio pesante per le casse di via Aldo Rossi. La conferma arriva anche dal mercato: i rossoneri, infatti, hanno già individuato in Ismael Bennacer il nuovo regista rossonero, in attesa di ricevere novità dal fronte Jordan Veretout. Già, Veretout, uno dei nomi più chiacchierati dell'estate. Conteso tra Roma e Milan, il giocatore viola non ha ancora preso una decisione, ma potrebbe farlo a breve, soprattutto dopo la mancata convocazione per la ICC della Fiorentina negli Usa. Proprio l'ex Lazio era una pedina inserita inizialmente dal Milan nella trattativa per il francese, ma Pradé ha detto no.

NUOVO ASSALTO VIOLA - La pista Fiorentina, tuttavia, rimane in piedi: a prescindere da Veretout, infatti, il giocatore piace molto a Montella, che lo riaccoglierebbe a braccia aperte. La destinazione toscana è gradita all'argentino, disposto anche a ridursi l'ingaggio pur di trovare spazio con continuità. Nelle scorse settimane, Biglia ha rifiutato una proposta del Boca Juniors, con l'obiettivo di restare in Italia.