118
Solo qualche mese fa il suo rinnovo era diventato una priorità. Suso e il Milan studiavano un nuovo contratto per eliminare o ritoccare verso l'alto quella clausola da 40 milioni valida solo per l'estero, quasi a sembrare limitante per gli incassi futuri rossoneri. Oggi lo scenario è cambiato; perché la seconda parte di stagione rossonera non ha dato le stesse garanzie, il rendimento di Suso è calato e il suo ultimo gol è datato 21 gennaio. Un periodo nero che ha portato anche a rallentare ogni dialogo sul rinnovo, adesso i pensieri sono diversi perché lo spagnolo già un anno fa aveva pensato di salutare il Milan in caso di grande offerta. Gattuso lo ha voluto a tutti i costi ancora con sé, Suso è rimasto con entusiasmo ma a giugno prossimo potrebbe cambiare tutto.

LE IDEE DI ADDIO - Sì, perché Leonardo e Maldini faranno valutazioni tecniche legate al settore degli esterni offensivi che verrà sicuramente potenziato sul mercato; ma ci sarà anche da guardare la voce bilancio per il Fair Play Finanziario e Suso può portare un incasso importante, ecco perché le idee di un addio stanno prendendo forza visto che da qualche mese sembra essersi spenta la scintilla tra lo spagnolo e il Diavolo. Anche lo stesso Suso in quel caso valuterebbe un'esperienza in un altro campionato per trovare stimoli diversi dopo 4 anni in rossonero. I contatti con altri club non mancano, il Milan vuole i 40 milioni della clausola per privarsene e non apre a sconti eccessivi, ma ci sarà tempo per valutazioni e proposte perché il prezzo lo fa il mercato e ad oggi non c'è un'offerta di quel livello. Tanto dipenderà anche dal finale di stagione e dalla necessità di fare cassa con le cessioni estive legata alla qualificazione Champions. Intanto, Suso e il Milan non sono più così sicuri di un futuro insieme.