165
Il Milan è a un bivio. Domenica deve battere la Spal a Ferrara nell'ultima giornata di campionato, sperando in un passo falso di Atalanta (col Sassuolo) o Inter (contro l'Empoli) per centrare il quarto posto in classifica e qualificarsi alla prossima Champions League che vale 50 milioni di euro. In questo caso il club rossonero, se a inizio giugno la camera giudicante sul fair play finanziario per il triennio 2015-2018 dovesse escluderlo dalle coppe europee, è pronto a una battaglia legale con l'Uefa.

Invece, col quinto o il sesto posto e l'Europa League da 20 milioni, il Milan accetterebbe una stagione senza coppe
, magari dopo un accordo davanti al Tas o un settlement agreement con scadenza nel 2022 per rientrare nei paletti. In caso di rinuncia dei rossoneri (e non di esclusione decisa dall'Uefa), non subentrerebbe nessuno e l'Italia resterebbe con sole 2 squadre in Europa League: Lazio e Roma, niente da fare per il Torino.