228
Mezzala, trequartista, esterno d'attacco. Rodrigo De Paul sa fare tutto, motivo per il quale è in cima alla lista dei desideri di molti club. Tra questi, oltre alla Juve (che sta facendo le sue mosse), il Milan, che considera il suo profilo prioritario. Nell'ultima finestra di mercato ha parlato con il suo agente ​Agustin Jimenez, potrebbe tornare a farlo nei prossimi giorni. L'argentino ha il contratto in scadenza nel 2024, nonostante l'Udinese non abbia escluso direttamente e indirettamente la conferma, ha ottime chance di partire nella prossima finestra di mercato. Dopo una stagione on fire, con 7 gol e 6 assist in 34 partite di campionato, l'ex Valencia vuole il salto in una big, a 26 anni vuole combattere per obiettivi diversi dalla salvezza. 

CONTROPARTITA - Il problema per il Milan non è l'ingaggio (De Paul guadagna circa 800 mila euro a stagione, in rossonero prenderebbe quasi il triplo) ma il costo del cartellino, tra i 35 e i 40 milioni. Una cifra che dalle parti di via Aldo Rossi ritengono eccessiva. C'è però margine per trattare, nell'affare potrebbe essere inserita una contropartita gradita ai friulani, tra i nomi da valutare ci sono Gabbia, Krunic, sul quale è forte il Torino, e Pobega, impegnato con il Pordenone nei playoff di Serie B, dopo una stagione convincente in prestito (5 gol e 4 assist).
INDIZIO - L'Udinese di certo non vuole svendere De Paul, ma lavora già al sostituto. Che potrebbe essere una vecchia conoscenza dell'ambiente bianconero. Dopo la retrocessione del Watford in Championship potrebbe fare il suo ritorno in Italia Roberto Pereyra, all'Udinese ​dal 2011 al 2014, con un totale di 104 presenze e 8 gol. Un argentino per un argentino, qualcosa si muove.