68
È pur sempre una questione di orgoglio e appartenenza. Daniel Maldini, classe 2001, vuole continuare la storia in rossonero che papà Paolo e nonno Cesare hanno scritto per più di quarant'anni. A lezione da Ibrahimovic, Daniel studia per cercare di lasciare il segno negli anni a venire. E il progetto del club rossonero è piuttosto chiaro: nessuna cessione in prestito all'orizzonte, almeno per il momento. Perché il talento si vede così come gli ampi margini di crescita.

CI HA PROVATO GALLIANI - Più di un club tra Serie B e A sarebbe pronto a far crescere Daniel Maldini garantendo un minutaggio maggiore rispetto a quello che gli può offrire il Milan. In primis il Monza che ci ha provato seriamente nelle scorse settimane. Ma anche Stefano Pioli vuole avere in rosa Daniel almeno fino a gennaio. Per crescere a Milanello e cercare di rubare qualche segreto a Rebic e compagni.