188
La gara della svolta. Così ha presentato Stefano Pioli  la sfida dell'Allianz Stadium contro la Juventus. E per farlo il tecnico emiliano punterà forte sull'estro e la rapidità di  Diaz. Il folletto è la mossa a sorpresa per provare a non dare punti di riferimento a Ronaldo e compagni. Il modulo sarà sempre lo stesso e vedrà il dirottamento sulla corsia mancina di Calhanoglu. Una scelta dettata dalla necessità di avere un giocatore con una maggiore propensione alla fase difensiva per dare manforte a  Hernandez nella complicata opposizione a  Chiesa.

GIOCA TOMORI - Sia Leao che Rebic pagano un momento non eccezionale e partiranno entrambi dalla panchina.  In mezzo al campo ci saranno i soliti Bennacer e Kessie, mentre la catena di destra sarà formata dai confermatissimi Calabria e Saelemakers. Tomori ha ormai battuto la concorrenza di Romagnoli e sarà il partner difensivo di Kjaer. Donnarumma avrà la fascia di capitano in una partita che, anche a livello personale, vale doppio. Il Milan si affida alle motivazioni del suo portiere e di Ibrahimovic per vincere la partita che vale la Champions League.