La domanda che molti tifosi del Milan e appassionati di calcio in generale si fanno, da un po' di giorni a questa parte, è la seguente: entro quando il presidente rossonero Yonghong Li deve versare i 32 milioni di euro necessari per il nuovo aumento di capitale del club, dopo i 10 milioni pervenuti nelle casse dei meneghini il 6 di giugno?

GIORNI DECISIVI PER IL FUTURO - Calciomercato.com prova a fare un po' di chiarezza in merito alle date, durante quelli che saranno giorni importanti per il Milan sia dal punto di vista sportivo che societario, con il verdetto del tribunale della Uefa e la possibile esclusione dalle coppe europee e proprio il rifinanziamento della società: secondo quanto appreso, Yonghong Li, che doveva rifinanziare entro venerdi, quando è in programma il cda rossonero, ha come termine ultimo per la sottoscrizione del versamento effettivo almeno cinque giorni lavorativi in più, a partire da martedì, perché lunedì dovrebbero partire le comunicazioni relative al mancato finanziamento.

ECCO TUTTE LE DATE CRUCIALI - Il rifinanziamento ufficiale con i soldi visibili arriverebbe quindi oltre il 25 giugno, l'ultima scadenza dovrebbe essere il 27 o il 28: dunque né entro i prossimi tre giorni, ovvero in occasione del CdA del 15, né il 30 giugno, ma una via di mezzo, che corrisponderebbe anche alle parole di Fassone: "Il rifinanziamento arriverà intorno alla fine di giugno". In caso contrario il fondo Elliott dovrebbe subentrare all'imprenditore cinese esercitando anticipatamente il pegno concesso in cambio del prestito da 303 milioni di euro. Le altre date cruciali saranno poi quella del 19 giugno, con la comunicazione da parte del verdetto Uefa, e quella del 30 giugno, termine entro il quale il Milan potrà presentare il ricorso al Tas di Losanna. Un mese bollente per i colori rossoneri, in tutti i sensi: le scadenze sono fissate

@AleDigio89