135
Messaggi scritti, messaggi in campo. Paquetà avvisa il Milan e sembra avere le idee chiare in merito al futuro: vuole giocarsi le sue carte in rossonero. Troppo discontinuo, sin qui, il suo rendimento: con Gattuso in panchina aveva mostrato buoni segnali, salvo poi peccare di discontinuità e scivolare lentamente nelle gerarchie del centrocampo. Pioli lo ha rispolverato dopo il lockdown, dandogli fiducia e collocandolo in una nuova posizione. 

IN GRANDE SPOLVERO - La migliore, probabilmente: quella di trequartista alle spalle delle punte anzichè mezzala. È lì che il brasiliano dà il meglio di sé, libero di inventare e provare a dare vivacità. Dimenticate i paragoni con Kakà, specie per quanto riguarda la velocità: l'ex Flamengo, tuttavia, ha confermato di avere fantasia e buoni guizzi. Mostrati ieri, nella sfortunata sfida di Ferrara: un 2-2 riacciuffato allo scadere, ma che ha regalato buone sensazioni quanto alla condizione del brasiliano. Dopo l'ingresso positivo con la Roma, ieri Paquetà si è rivelato intraprendente, con voglia di fare e tanta qualità: lanci, occasioni e un paio di tiri pericolosi, abbinati a giocate interessanti, danno fiducia per il futuro. Serve ora l'ultimo passo: la conferma del posto da titolare e un pizzico di cattiveria in più negli ultimi venti metri
MESSAGGI - Segnali che tutto il Milan attende, a partire dalla delicata sfida contro la Lazio. Da difendere c'è anche il futuro rossonero. Lucas lo aveva fatto lunedì sera a parole, tramite i social: "​Ogni giorno dicono che vado in un club diverso. Ho tanto rispetto per il San Paulo, ma questa notizia non è vera ragazzi!!! Non mi vedo di nuovo in Brasile se non per tornare a casa mia", ora dovrà (ri)farlo in campo. Per il presente e non solo