3

'È un grossolano equivoco. Non ho niente a che vedere con gli insulti che sono stati rivolti a Galliani. Con Adriano tra l'altro c'è amicizia'. Luciano Pedini, ex presidente della Neutro Roberts Firenze, non ci sta. La sua foto (in cui è ripreso di spalle) mentre Galliani esce dalla tribuna nel parapiglia generale, ha fatto il giro d'Italia insieme alle ricostruzioni di quanto avvenuto al Franchi alla mezz'ora del primo tempo dopo l'ingiusta espulsione di Tomovic che ha lasciato la Fiorentina in dieci. E il caso sulla Tribuna Vip del Franchi è scoppiato: 'Stavo dicendo a Adriano di venire via, che non era il caso restasse sugli spalti. Gli addetti alla sicurezza che mi conoscono possono confermare quanto sto dicendo. Ripeto che si tratta di un grossolano e grave equivoco. Per questo parlerò con il mio avvocato a cui chiederò di intraprendere le azione del caso per difendere la mia onorabilità. Sono una persona seria, lo sono sempre stata e rimango tale. Non ho nulla a che vedere con l'aggressione'.

Poi Pedini racconta la sua versione anche riguardo all'alterco che Galliani avrebbe avuto con un bambino del settore giovanile viola seduto in tribuna: 'Il bimbo aveva una foto o qualcosa che lo ha fatto arrabbiare'. Il riferimento è una fotocopia che girava domenica pomeriggio al Franchi e che ritraeva lo zio Fester della famiglia Addams, un personaggio che spesso le tifoserie italiane hanno goliardicamente accostato all'ad rossonero. Certo a fare scalpore è stato anche il fatto che il parapiglia sia avvenuto in Tribuna Vip, un settore che dovrebbe essere protetto e in cui negli ultimi anni, oltre alle autorità e alle persone invitate dalla Fiorentina, possono accedere anche tifosi che abbiamo acquistato un salato abbonamento. E Pedini era un invitato del club o un semplice pagante? 'Sono cose che non la devono interessare. Riguardano solo me e la Fiorentina. Arrivederci'.

(Corriere Fiorentino)