3

L’ad del Milan Adriano Galliani ha rilasciato una lunga intervista a Milan Channel al termine di Milan-Sampdoria:

"Se Birsa fosse rimasto al Genoa e Milan e Antonini al Milan nessuno avrebbe segnato alla Samp. E' stato uno scambio azzeccato per entrambi. Birsa si allenava da solo, ora sta giocando titolare... questo è il calcio, lo sappiamo benissimo. L'allenatore l'ha visto bene e visto che ha dei buoni piedi e ha sfiorato il gol contro il Bologna. Ci sta bene nella nostra rosa. Adesso rientreranno i nostri big, ma potrà dire la sua. Adesso dobbiamo fare punti ad Amsterdam con l'Ajax. De Jong? Cercavamo un centrocampista che rubasse palla, dopo aver perso Rino. L'abbiamo preso per sostituire il grande grande Rino, è un giocatore importante. Purtroppo ha avuto la lesione al tendine d'Achille che l'ha bloccato per sei mesi. Abbiamo delle mezze punte... abbiamo Saponara, ci darà una grande mano. Poi scadrà la sua squalifica di Balotelli. Poi aspetteremo il dopo Nazionale per vedere le stelle. Va guardato il bicchiere mezzo pieno: ovvero che facciamo sempre gol. Quando non prendiamo gol vinciamo le partite. Se riusciremo a sbagliare meno, soprattutto sulle palle ferme altrui, il gol lo facciamo e riusciamo a vincere. Questa è una squadra che mette tutto quello che ha, magari non è al massimo della condizione  ma mette tutto quello che ha dentro. E di questo sono contento. Robinho? E' un giocatore di grande classe, deve trovare continuità e i 90 minuti sempre. E' un campione. Adesso non abbiamo tutti i campionissimi in squadra, ma Robinho è uno dei giocatori più di talento che abbiamo. Deve fare questo e meglio di quello che sta facendo. E' un giocatore super. E comunque ricordo che abbiamo un punto in più dello scorso anno”.

Sulla chiusura della Curva Sud: “ Ho sentito molto molto molto la mancanza della Curva, è stata una partita diverse. Speriamo che non succeda più: non credo che questi cori l'abbiano intonati tutta la Curva, che è stata brava a spronare la squadra ieri sera a Milanello

Balotelli? Speriamo non si lasci più andare. Abbiamo parlato a lungo l'altro giorno anche col suo procuratore e Allegri, abbiamo messo in atto molte altre cose. Speriamo migliori sul piano dell'educazione. E speriamo che anche su di lui venga guardato con la stessa attenzione che viene guardato altri casi analoghi di altri giocatori. La quantità di falli fatti a Mario è impressionante. Tutti abbiamo sotto gli occhi la partita col Napoli, stiamo zitti e non protestiamo. Francamente a Mario è stato riservato un trattamento speciale”.