145
Non si può parlare di rivelazione dell'inizio stagione del Milan, ma di insostituibile sì. Simon Kjaer fin qui le ha giocate tutte tra Serie A ed Europa League (qualificazioni incluse). 5 slot in campionato, altrettanti in Europa, sempre dall'inizio a guidare la difesa rossonera. Aveva guidato la retroguardia di Stefano Pioli già dallo scorso gennaio in poi, ma in questo inizio di stagione lo ha fatto con una consapevolezza diversa e i risultati si sono visti sul campo e nelle statistiche. Dopo il Verona (2 gol subiti), il Milan ha la miglior difesa della Serie A alla pari della Juventus (4 reti incassate). E Kjaer - arrivato in prestito con diritto di riscatto dal Siviglia lo scorso gennaio - ne è l'assoluto leader. Anche ora che è tornato il capitano, Alessio Romagnoli, a guidare la difesa è il danese. 


AFFARE LOW COST - Un vero e proprio affare di mercato per quanto è costato: solo 3,5 milioni di euro, proprio dal Siviglia. Il rendimento sul campo è stato alto nella scorsa stagione e altissimo all'inizio di questa. Al suo fianco sta crescendo Romagnoli, ma prima del rientro del capitano rossonero è migliorato anche il giovane Matteo Gabbia. Il Milan al 31enne danese ha fatto firmare un contratto fino al 2022 e vuole che sia proprio lui a "fare da chioccia" ai giovani centrali difensivi del Milan. A quelli già in rosa, ma anche a chi arriverà dal mercato nelle prossime finestre. 
TUTTI I NOMI - Con il recupero di Duarte e il rientro di Musacchio sempre più vicino, il Milan avrà cinque centrali difensivi in rosa. Infortuni permettendo, in quel ruolo la squadra rossonera sarà dunque coperta, ma si guarderà attorno alla ricerca di occasioni. E, se ci saranno, proverà a coglierle come ribadito più volte dal duo Maldini-Massara nelle recenti interviste. Una può essere Nikola Milenkovic, difensore della Fiorentina molto gradito alla società: la condizione necessaria è il mancato rinnovo col club viola. Tra le alternative ci sono ​Mohamed Simakan dello Strasburgo (valutato massimo 15 milioni dai rossoneri), ​Ozan Kabak dello Schalke 04 (è forte la concorrenza del Liverpool) e Matteo Lovato, rivelazione dell'Hellas Verona già nel mirino della Juventus. Il Milan per il presente si gode un super Kjaer, per il futuro tiene d'occhio soprattutto questi quattro profili: l'erede del danese può essere proprio uno di loro