108
Prima i rinnovi di due pilastri del Milan di oggi e del futuro come Zlatan Ibrahimovic e Gianluigi Donnarumma, poi sull'agenda degli uomini-mercato rossoneri sono diverse le priorità in agenda in un'estate anomala ma estremamente importante per rinforzare la squadra e non disperdere il patrimonio di gioco e risultati lasciati in eredità dalla gestione di Stefano Pioli nella fase post-lockdown della stagione. Tra i ruoli da puntellare e nei quale aumentare la qualità delle alternative del tecnico parmigiano c'è quello del difensore centrale, con diversi nomi sul taccuino di Paolo Maldini e Frederic Massara.

MURO COMMISSO - L'idea di partenza è quella di aggiungere ai confermatissimi Kjaer e Romagnoli un calciatore giovane, di buona prestanza atletica e abile negli uno contro uno. Un profilo che incarna tutte le caratteristiche di Nikola Milenkovic, centrale classe '97 di proprietà della Fiorentina. Un nome promosso da Pioli, che ha avuto modo di apprezzarne la crescita nei suoi trascorsi in viola e che è assistito da un procuratore, Fali Ramadani, con cui il Milan ha avuto e ha diverse questioni in ballo, dal riscatto di Rebic dall'Eintracht Francoforte al nome di Jovic per l'attacco. Milenkovic ha apprezzato l'interesse del club rossonero, ma al momento il patron della Fiorentina Rocco Commisso non appare intenzionato a concedere sconti rispetto ai 30-35 milioni di euro richiesti per il serbo. Un prezzo che Maldini e Massara sperano di abbassare, magari inserendo nell'affare una contropartita gradita al loro collega Pradé come Lucas Paquetà.
LE ALTERNATIVE - Una trattativa ad oggi solo in essere e non ancora decollata e che dunque lascia aperto più di uno spiraglio per le ipotesi alternative, quelle che portano all'estero e che conducono a due giocatori nello specifico, Kristoffer Ajer del Celtic Glasgow e Mohamed Simakan dello Strasburgo. Due nomi seguiti da tempo e che, nonostante la folta concorrenza - in particolare per il norvegese che piace e tanto al Leicester - rimangono obiettivi caldi. La mancata qualificazione alla Champions League delle Foxes è un assist in più nella corsa ad Ajer (per quanto la squadra allenata da Rodgers possa offrire condizioni economiche più vantaggiose), mentre Simakan ha dalla sua la carta della duttilità, essendo stato spesso utilizzato da terzino destro nell'ultima stagione di Ligue 1. Tutti nomi validi, giovani, forti fisicamente e bravi negli uno contro uno: da qui non si scappa, il Milan cerca un difensore con queste qualità per un presente e un futuro nuovamente da protagonista.