228
"Kessié? Per i rinnovi dei contratti c'è una linea comune da seguire per il club: la sostenibilità, senza andare oltre le nostre possibilità economiche e certi limiti". Paolo Maldini era stato chiarissimo, oltre ogni ragionevole dubbio, su quello che sarebbe stato il futuro di diverse trattative per i rinnovi dei contratti di giocatori in scadenza come Franck Kessie. Era ​il 23 agosto e già allora la situazione era ben lontana dall'essere risolta, ma rispetto ad allora il centrocampista ivoriano godeva ancora di un largo credito nei confronti di quei tifosi che, ora, lo stanno sempre più scaricando.

LA FRASE DA TOKYO CHE APRE LA FERITA - In realtà la data da cui parte e si scatena il malumore odierno è quella del 26 luglio. Kessie era impegnato con la Costa d'Avorio alle Olimpiadi e da Tokyo arrivò un'intervista che profumava di dichiarazione d'amore eterno. Anzi, lo era proprio al punto che tutta la questione rinnovo sembrava destinata a risolversi in tempi brevi. "Non è mia intenzione andare via. Anzi, voglio restare per sempre. Voglio il Milan, solo il Milan...Appena finita l’Olimpiade torno a Milano e sistemiamo tutto. Non ci saranno problemi".
IL CALO E IL ROSSO - Frasi forti, inequivocabili, che però non si sono trasformate immediatamente in fatti al momento del suo ritorno a Milano. Anzi, il nuovo incontro con l'agente non ha portato alcun frutto e ha cementato uno stallo sempre più importante. L'infortunio, il calo fisico delle ultime gare che ha portato (o riportato) le sue prestazioni lontane dall'essere decisive come nella passata annata,  e infine il rosso rimediato nel primo tempo della gara di ieri contro l'Atletico Madrid non hanno fatto altro che allargare e far sanguinare sempre più la ferita aperta dalle sue parole non tramutate in rinnovo.

SCARICATO COME CALHANOGLU - Sui social è addirittura partito l'hashtag #kessieout con i tifosi che soltanto due mesi fa chiedevano a gran voce la sua conferma che oggi vogliono solo il suo addio. O almeno la sua esclusione in favore di Tonali. Uno che il Milan l'ha sposato davvero a tutti i costi. Con i fatti, quelli che stanno mancando a Kessie, scaricato dai suoi tifosi come successo nel finale della passata annata anche ad Hakan Calhanoglu, passato poi in estate all'Inter tramutando il malumore in odio.