308
Donnarumma 5,5: errore di posizione sul primo gol dell'Inter, quando rimane rintanato tra i pali. Si riscatta, parzialmente, nella ripresa con due buoni interventi. 

Calabria 5: errore in marcatura da matita blu nel primo tempo, quando lascia indisturbato Martinez abile poi a servire Vecino. Soffre la mancanza di copertura di Suso. Meglio quando Gattuso lo sposta a sinistra.

Musacchio 6: Mateo ci mette cuore e attributi. Segna il gol della speranza, morde le caviglie di Lautaro con il quale ingaggio un bel duello in salsa argentina.

Romagnoli 5: nella gara più importante il capitano fa un passo indietro. Disattento su de Vrij in occasione del secondo gol, si fa prendere in mezzo dagli inserimenti delle mezzali nerazzurre. 

Rodriguez 5: il terzino svizzero perde la sua consueta tranquillità e va in affanno anche sul suo pezzo forte, ovvero la gestione del pallone. (dal 13' st Cutrone 5,5: ha sui piedi la palla del 3-3 ma D'Ambrosio lo mura. Impegno sempre massimale, dà la scossa alla squadra ma sbaglia qualcosa dal punto di vista tecnico  )

Kessiè 5: protagonista a Verona, assente ingiustificato oggi. Protagonista di un tentativo di rissa con Biglia, serata da dimenticare. (dal 19' st Conti 5,5: con il suo ingresso l'Inter non riesce più a sfondare, sbaglia due cross banali) 

Bakayoko 6,5: leone indomabile, trova il suo primo gol in maglia rossonera che nobiltà una prestazione comunque importante.

Paquetà 5,5: il brasiliano è stanco e deve rifiatare, stretto da compiti difensivi che imprigionano il suo talento. (dal 1' st Castillejo 5: ha diversi punti ma l'ingenuità sul rigore procurato per fallo su Politano è grave); 

Suso 4,5: sbaglia tutto quello che si può sbagliare, confermando il suo momento no. Gattuso lo tiene in campo per aiutarlo, ma stasera è stato più dannoso che altro per il Milan.

 Piatek 5: de Vrij e Skriniar lo seguono fino al tunnel che porta agli spogliatoi. I palloni giocabili si contano su un palmo della mano ma lui fa poco per mettersi in mostra.

Calhanoglu 6,5: nel primo tempo è l'unico che ci prova, con coraggio. Regala un assist perfetto per Bakayoko, bene anche da regista.

Gattuso 5: perde il secondo derby stagionale, mettendoci anche del suo. Tiene in campo un Suso impalpabile, stravolge la squadra due volte nel secondo tempo e questo genera una decina di minuti caratterizzata da una confusione tattica.