498
Milan-Juve 1-3

Donnarumma 6: incolpevole in occasione dei tre gol subiti, risponde alla grande su McKennie. 

Dalot 6: ha qualche spunto interessante in fase offensiva ma non è preciso al cross. Attento in marcatura su Dalot e Ramsey che dalle sue parti non sfondano come potrebbero. (dal 35' st Conti s.v)

Kjaer 6,5: gioca una partita intelligente, cercando l'anticipo e guidando la difesa con autorevolezza. Prestazione senza sbavature per il forte difensore danese. (Dal 35' st Maldini s.v)

Romagnoli 5: Dybala gli fa passare una serata da incubo ma anche il capitano rossonero ci mette del suo con alcune scelte errate.

Hernandez 4,5: sicuramente la sua peggior partita da quando veste la maglia del Milan. Lascia la marcatura su Chiesa in occasione del primo gol, si fa trovare impreparato anche in occasione delle successive marcature. In apnea.

Calabria 7: un gol, bellissimo, con un tocco che finisce sotto al sette. Da mediano ci mette cuore e ottime letture di gioco, dimostrando attaccamento alla maglia e una condizione psico-fisica esaltante. (dal 35' st Kalulu s.v)
Kessie 6: perde un po' le distanze nel secondo tempo ma gioca a tutto campo con intensità.

Castillejo 5,5: pronti via avrebbe la palla giusta, su topica di Bentancurt, per indirizzare la gara ma chiude troppo la conclusione e  Szczesny è bravo a mettere in angolo. Unico lampo di una partita mediocre per lo spagnolo. (Dal 41' st Colombo s.v)

Calhanoglu 6: calcia molto in porta, almeno in 7 occasioni, ma trova sempre uno  Szczesny molto attento. Ci prova con orgoglio fino alla fine ma non è serata.

Hauge 5: catapultato in campo dal 1', paga forse l'emozione. Troppo timido e impacciato, sparecchia in curva una ghiotta chance nel primo tempo. ( dal 22' st Diaz 5,5: prova a dare un po' di vivacità ma finisce per andare a sbattere contro i difensori bianconeri).

Leao 6,5: primo tempo sontuoso: va vicino al gol con un tiro a giro che sibila di un soffio a lato. Serve anche l'assist per il gol di Calabria.

All. Pioli 6: nella grande emergenza disegna un Milan che resta in partita fino alla fine.