204
Parma-Milan 1-3 

PARMA

Sepe 5,5: nel primo gol non ha colpe ma sul secondo non allunga il braccio e si butta con ritardo. 

Pezzella 6: cerca con insistenza il fondo e va spesso al cross ma prende un cartellino giallo che gli condiziona la partita. 

(Dal 28’ s.t. Busi 6: si allarga sulla destra quando il Parma cerca il tutto per tutto) . 

Gagliolo 6: tanti errori come passaggi banali che fanno ripartire il Milan, non è esente di colpe sulla rete di Rebic, segna il gol dell’1-2 su sponda perfetta di Pellè. 

Bani 5,5: un cartellino a inizio gara che lo condiziona, marca Ibrahimovic con esperienza e sfiora il gol allo scadere. 

Conti 5,5: primo tempo da dimenticare, prova a prendere coraggio nella ripresa sulla fascia destra. 

(Dal 39’ s.t. Traore 5: perde palla e regala il terzo gol al Milan). 

Kurtic 5,5: spesso sovrastato dal centrocampo rossonero, qualche passaggio fallito verso gli esterni che mandano il Milan in contropiede. 

Hernani 5,5: qualche buon tocco ma quando si mette in regia non ha la marcia in più per velocizzare il gioco crociato. 

(Dal 15’ s.t. Grassi 6: aggiunge corsa e grinta per il tentativo di rimonta del Parma). 

Kucka 5,5: spesso non si intende con i compagni di reparto, prova la conclusione ma è impreciso. 

Gervinho 4,5: inesistente in zona gol, spesso passeggia in campo e perde tutti i duelli in velocità con Kalulu. 

(Dal 1’ s.t. Cornelius 6: combatte in area avversaria alla ricerca dello spunto decisivo). 

Pellè 6,5: si batte giocando sempre di sponda e prova a farsi vedere dalle parti di Donnarumma; sfiora il gol e serve l’assist a Gagliolo. 

Man 5,5: poca cattiveria sulla destra, non arriva mai alla conclusione a rete; qualche affondo che mette in difficoltà la difesa rossonera. 

All. D’Aversa 5,5: primo tempo da dimenticare ma nella ripresa la sua squadra prova il tutto per tutto per cercare il gol del pari. 

MILAN

Donnarumma 7: fantastico l'intervento in volo a negare la gioia della rete a Pelle. Nel finale prende tutto, perfetto anche sulle uscite alte. 

Kalulu 6,5: molto bene sia in fase di spinta che in quella di copertura. Ripaga ampiamente la fiducia del tecnico Pioli. 

(Dal 33' st Gabbia 6: un paio di ottime letture nel finale di gara. La sua fisicità risulta preziosa per arginare la spinta del Parma). 

Kjaer 6: perfetto in marcatura su Pellé al quale concede poco, perde Gagliolo in occasione del gol ducale. 

Tomori 6,5: sempre attento e pulito negli interventi, ormai si è preso il Milan. 

Theo Hernandez 6,5: Pioli in conferenza aveva raccontato di averlo visto determinato in settimana e il francese conferma questa impressione. Macina kilometri su kilometri, regala un assist delizioso a Kessie in occasione del secondo gol rossonero. 

Kessie 7,5: migliore in campo per distacco: segna la rete numero 10 di un campionato giocata su livelli straordinari. E' l'uomo ovunque del Milan, il primo a chiamare il pressing e a sostenere gli attaccanti. Il nazionale ivoriano ha completato la piena maturazione tecnica e tattica. 

Bennacer  6: un passo in avanti rispetto all'ultima uscita contro la Sampdoria ma non è ancora il mediano brillante della prima parte di stagione. 

(Dal 26' st Meite 6: si dà molto da fare, specie in fase difensiva). 

Saelemaekers 6,5: riesce sempre a saltare il diretto avversario, fa ammonire sia Pezzella che Gagliolo. Stantuffo inesauribile e sempre più prezioso per gli equilibri tattici del Milan. 

(Dal 26' st Dalot 7: entra in campo con una determinazione feroce e risulta decisivo per il successo finale con un'azione bellissima: recupera palla su Traorè nella propria trequarti, si fa trenta metri di campo palla al piede e poi regala un cioccolatino solo da scartare per Leao che non si fa pregare). 

Calhanoglu 5,5: cerca spesso l'uno-due con Ibrahimovic nella prima parte di gara. Poi piano piano esce dalla partita. 

(Dal 33' st Krunic 6: molto applicato in fase difensiva). 

Rebic 6,5: sugella una prestazione importante con una rete molto bella e che indirizza subito la partita sui binari del Milan. 

(Dal 38' st Leao 6,5: freddo nel battere Sepe: l'attaccante portoghese torna al gol dopo diversi mesi e si candida a un finale di stagione da protagonista). 

Ibrahimovic 5: partita alla dottor Jekill e Mr.Hyde. Il primo tempo è da manuale dell'uomo squadra: regia illuminata di tutte le azioni offensive, regala l'assist a Rebic ed entra anche nell'azione della seconda marcatura. Poi l'episodio troppo ingenuo dell'espulsione che fa passare una mezzora di grande sofferenza alla squadra. 

All. Pioli 6,5: azzecca tutte le scelte a partite in corso con Dalot esterno alto prima e il passaggio alla difesa a tre dopo.