239
Intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24, il direttore tecnico del Milan, Paolo Maldini, ha parlato dei primi mesi della nuova stagione, dopo il cambio di allenatore di poche settimane fa: "Il momento è delicato, ma fa parte di una fase di ricrescita del club. Tre cambi di proprietà in tre anni hanno minato questa squadra, il cambio allenatore di quest'anno non ce l'aspettavamo. Abbiamo preso questa decisione a malincuore. Il club mirava ad avere un allenatore con concetti molto forti per sopperire alla mancanza d'esperienza della squadra, che in effetti è molto giovane". 

SU GIAMPAOLO - "Se una decisione viene presa a metà campionato, il campionato già andato. Se invece è presa all'inizioPuò essere affrettata, c'è questo rischio, ma c'è anche l'idea di incidere sulla stagione in corso. Forse non siamo stati bravi nel parlare e nel dire gli obiettivi. Abbiamo ereditato una squadra con un passivo di 125 milioni, tante cose non sono state dette. Abbiamo preso una multa da 12 milioni e siamo stati esclusi dall'Europa per colpa delle gestioni precedenti. Il cammino è difficile, sono abituato alle critiche. Sono convinto di quello che sto facendo, lo sto facendo al massimo. La nostra permanenza, lo sappiamo, è legata ai risultati".

SU BERLUSCONI - "Berlusconi è stato un grandissimo presidente, il migliore che potessi avere. Gli voglio bene, ma questa sua tendenza a risultare sempre spiritoso lo rende inelegante, ma è una cosa personale. L'affetto resterà immutato".

SUL PROGETTO - "La mia storia è pesante: la mia presenza e quella di Zvone testimoniano che non vogliamo tornare a quei livelli tra 10-15 anni. Non ho tutto questo tempo: o meglio, ce l'ho, ma non vogliamo aspettare tutto questo tempo. La nostra presenza dovrebbe dare una garanzia per tornare a determinati livelli in tempi accettabili. Quantificarli diventa difficile. Se nell'idea della società - ma non è così - c'è la volontà di tornare competitivi tra 10-15 anni e fare dodici anni da squadra di media classifica, non saremo più a capo della direzione sportiva".