40
Avanti con Hakan. Non c'è solo la questione Ibrahimovic, infatti, sulla scrivania di Maldini e Massara: il Milan ha le idee chiare e progetta anche il rinnovo di Calhanoglu. Complice un rendimento, nel finale di stagione, da vero top player: le 9 vittorie in 12 partite portano il marchio indelebile del turco, decisivo con sei gol e otto assist. 

LE CONDIZIONI - La priorità, dicevamo, è Zlatan Ibrahimovic. Il contratto dello svedese è scaduto poche settimane fa, tra otto giorni è in programma il raduno e nelle prossime ore può arrivare la fumata bianca. In parallelo, però, ecco l'affare Calhanoglu, il cui contratto scade nel 2021. Di fretta non ce n'è, ma la volontà di chiudere a breve è comune. Perché Hakan è stato chiaro: ha messo il Milan in cima alla sua lista. A breve è atteso a Milano Gordon Stipic, agente del centrocampista: con lui si parlerà del prolungamento fino al 2024, utile a respingere gli assalti di Hertha Berlino, Lipsia e Schalke 04. L'ottimo rendimento post-lockdown, dettato dalla sua posizione naturale - quella di numero 10 - sarà premiato: l'attuale ingaggio da 2,5 milioni verrà adeguato e probabilmente verrà inserita clausola rescissoria per cautelare i rossoneri. Milan-Calhanoglu, avanti insieme.