106
L’alternativa a Cerci, per il Milan, si chiama Giacomo Bonaventura. Continua la ricerca dell’esterno giusto per Inzaghi, la prima scelta è sempre stata Alessio Cerci. Perché è mancino e gioca a destra, può accentrarsi e creare la superiorità numerica. Parallelamente, il Milan ha provato seriamente anche ad arrivare a Joel Campbell: sono stati fatti diversi tentativi, ma c’è stato il muro dell’Arsenal. E allora il ritorno su Adel Taarabt, una pista tenuta sempre viva: oggi l’incontro con l’agente Kia Joorabchian, presto un’offerta al Qpr. 

ALTERNATIVA - Il Milan però sta continuando a lavorare sue due piste, due profili. Che presto potrebbero diventare tre. Perché oltre a Cerci e Taarabt, come appreso in esclusiva da calciomercato.com c’è anche Bonaventura. Se Taarabt è una pista separata, che il Milan non ha mai mollato, Bonaventura è l’alternativa a Cerci, che si sta complicando sempre di più per concorrenza e richiesta, di 20 milioni. Bonaventura è valutato la metà, 8/10 milioni. L’Atalanta non ha mai nascosto di poterlo cedere, anzi. C’è un patto col giocatore, c’è la volontà di non tarpargli le ali e di accettare l’offerta di una grande squadra. Anche perché, come dichiarato dal presidente Percassi, l’Atalanta ha bisogno di fare cassa cedendo 1/2 giocatori. Vista quindi la situazione, e le volontà di Atalanta e giocatore, si può trattare per una cifra più bassa rispetto alla richiesta e inserendo anche delle possibili contropartite tecniche. 

VIOLA LONTANA - Per ora ci sono solo i primi sondaggi, aspettando Cerci e soprattutto provando a chiudere per Taarabt, che alla fine a meno di sorprese arriverà. E poi, attenzione a Jack, possibile obiettivo anche della Fiorentina in caso di cessione di Cuadrado, anche se al momento la pista si è raffreddata dopo l’acquisto di Marko Marin. Al Milan, invece, farebbe parte degli esterni per il 4-3-3 di Inzaghi, che all’occorrenza potrebbe diventare anche 4-2-3-1 con Taarabt o Honda trequartisti. Bonaventura, a differenza di Cerci, è destro e parte da sinistra, ma può giocare anche a destra per andare sul fondo e cercare il cross. Potrebbe quindi giocare sulle due fasce e fare anche da alternativa a El Shaarawy. Per un reparto offensivo sempre più completo, che però potrebbe perdere Niang, probabilmente in prestito negli ultimi giorni di mercato.