Torres fatica a trovare la via del gol, Pazzini non convince e il contratto in scadenza a giugno 2015 fa di lui un sicuro partente. Per questo motivo il Milan di Filippo Inzaghi guarda al mercato di gennaio alla ricerca di una punta fisica, d'area di rigore, in grado di completare il reparto garantendo il giusto ricambio e la giusta alternativa al tridente senza punte con Menez titolare.

I NO PER OKAKA E MATRI - L'amministratore delegato Adriano Galliani si sta muovendo con grande insistenza nel mercato italiano alla ricerca di un colpo low cost, ma strappare giocatori del calibro di Alessandro Matri (in prestito proprio dal Milan al Genoa, ma titolare nell'11 di Gasperini) o di Stefano Okaka (fondamentale nello scacchiere tattico di Sinisa Mihajlovic) è tutt'altro che semplice se non impossibile. Per questo Galliani ha affidato al ds Rocco Maiorino il compito di individuare alternative appetibili nei campionati esteri.

OCCHI IN TURCHIA - Il Besiktas sta vivendo una stagione strepitosa. Il terzo club di Istanbul, infatti, si è inserito con prepotenza nell'accesissimo duello fra Fenerbahce e Galatasaray per la vittoria dello scudetto guidando al momento la classifica della Superliga turca, e dopo aver spaventato l'Arsenal nei preliminari di Champions League si è già assicurato il passaggio del turno (come seconda dietro al Tottenham) nel giorne C di Europa League. Protagonista di questa cavalcata è sicuramente l'attaccante senegalese Demba Ba finito nel mirino proprio del Milan.

PROBLEMI DI FAIR PLAY - Secondo i media turchi e in particolare Amk Spor Gazetesi, il Milan ha avviato fitti colloqui con l'entourage della punta franco-senegalese (sarà impegnato nella Coppa d'Africa con il suo Senegal) classe '85 per convicerlo a lasciare la Turchia ed approdare in Italia. Ba è arrivato al Besiktas soltanto nel corso dell'ultima sessione di mercato, pagato 6 milioni di euro al Chelsea, e ha già collezionato 15 gol in 17 presenze con la maglia delle Aquile Nere. Per lui c'è da battere la concorrenza di Liverpool e Monaco ma a spingere Demba Ba lontano dal Besiktas ci sta pensando la UEFA che ha messo sotto indagine il club turco per violazione del Fair Play Finanziario e il suo stipendio da 2,5 milioni di euro a stagione potrebbe essere un peso difficilmente sostenibile anche nella prossima stagione.