126
Il Milan batte 2-0 l'Atalanta a San Siro e si porta a un passo dallo scudetto. Al termine della partita, il tecnico rossonero Stefano Pioli commenta a Dazn: "Dovevo salutare i tifosi, è l'ultima partita casalinga ed è un anno che mi emoziono. Sappiamo che non è finita, dobbiamo fare un'altra settimana come le nostre abituali, stare concentrati, determinati e sereni".

OLTRE IL 120% - "Sono soddisfatto, siamo stati bravi nelle due fasi concedendo poco a un avversario tosto. Siamo stati bravi a trovare soluzioni perché l'Atalanta lascia pochi spazi. I miei giocatori sono stati bravissimi a non perdere lucidità e crederci sempre, la vittoria è un premio meritato per il loro talento e la loro voglia".

PRESSIONI - "Credo che tutte le partite precedenti ci hanno insegnato che sono difficili, ma che con testa e qualità possiamo vincere. Le vittorie con Lazio, Fiorentina e Verona ci hanno dato fiducia. I ragazzi lo sanno, abbiamo tantissime qualità e qualche difetto, ma cerchiamo di esaltare le qualità".
PENSIERI - "Sto vivendo settimane normalissime a Milanello, perché vedo l'atteggiamento positivo dei miei giocatori. Determinati, attenti e sereni, arrivano al campo sorridenti e scherzosi. Quando arrivi allo stadio e ci sono 10mila tifosi a picchiarci sul pullman ci dà la carica. Dobbiamo fare un'altra settimana così. Ai ragazzi ho fatto vedere un'intervista di Kobe Bryant, che sul 2-0 delle finali Playoff diceva che non è finita. E deve essere così anche per noi. La serenità che ci accompagna può risultare vincente".

CORAGGIO - "E' la situazione che rende più orgogliosi me e il mio staff. Sono sempre stati di una disponibilità e un'attenzione a capire nuove indicazioni, quando siamo entrati abbiamo portato concetti diversi e quindi abbiamo bisogno di tempo. Sono giocatori a cui posso far fare quello che voglio in campo. Devo stare attento a non cambiare troppo, ma a loro piace lavorare così, preparare le partite per valorizzare le nostre qualità. Un'altra settimana di passione e lavoro, poi forse faremo qualcosa di diverso".

VINCERE SUBITO O ALL'ULTIMA GIORNATA? - "Cosa preferirei? Lei che dice? (sorride, ndr)".