2
Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha concesso una lunga intervista ai microfoni di Milan TV, nella quale ha commentato il rinnovo del contratto con il club rossonero: "Ho sempre desiderato questo e ho sempre lavorato per cercare di ottenere il meglio da me stesso e dalla squadra, con la speranza di poter continuare a fare un lavoro fatto di qualità e di continuità. C'è grande felicità per questo attestato di stima da parte del club, però al tempo stesso ci dev'essere ancora grande concentrazione. Stiamo facendo bene, ci aspetta una partita importantissima e difficilissima con l'Atalanta. Rimaniamo concentrati. Come ho detto ieri sera, il nostro futuro è adesso. Da queste ultime tre partite possiamo ricavare qualche spunto interessante e una classifica migliore, oltre che delle basi ancor più solide in vista della prossima stagione".

SULLE ULTIME TRE PARTITE - "Bisogna credere nelle proprie idee, nel proprio lavoro e nelle qualità dei giocatori. Ho sempre sostenuto ed ero sincero quando dicevo che qui a Milanello abbiamo sempre avuto tutto il necessario per lavorare al meglio. Siamo stati bravi a non farci distrarre da niente, ma avere come unico obiettivo quello di finire la stagione senza rimpianti, avendo dato tutto. Su quello ci siamo concentrati e quello dobbiamo ancora riuscire a fare per altri 10 giorni".

SUI TIFOSI -  "Vivere questo momento di positività, di risultati importanti e di prestazioni positive a livello tecnico insieme ai nostri tifosi sarebbe fantastico. Mi immagino un San Siro stracolmo di attesa, di passione ed entusiasmo. I nostri tifosi ci hanno sostenuto sempre, soprattutto nei momenti difficili. Quasi sempre avviene il contrario solitamente, invece ai nostri bastava veramente poco per sostenerci e starci vicino. Adesso ci darebbe tantissimo ed è un peccato non averli allo stadio, ma sono con noi sempre".
LA PRIMA CHIAMATA DEL MILAN - "La prima chiamata del Milan è arrivata in un momento particolare per me, dove avevo tante altre possibilità. Quando è arrivata questa chiamata, ho capito subito che poteva essere l'occasione giusta. Il solo pensiero era quello di dare il massimo e sfruttare l'opportunità. Alleno uno tra i club più prestigiosi e gloriosi al mondo, con una tifoseria fantastica. Più contenti di me in questo momento è difficile trovarne".

LE COSE DA FARE PER LA PROSSIMA STAGIONE - "Ci son da fare tante cose, tante valutazioni. Il periodo di pausa sarà breve, dipenderà anche da come finiremo in classifica. Dal 3 agosto senz'altro poche vacanze e tanto lavoro per cercare di preparare al meglio la prossima stagione".