9
Il tecnico del Milan Stefano Pioli commenta a Dazn il successo interno sull'Udinese: "Siamo partiti contratti e l'Udinese stava meglio a livello fisico. Oggi eravamo un po' in emergenza, ma sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi perché abbiamo messo il cuore contro un avversario che era più brillante di noi. In passato abbiamo lavorato bene ma non siamo riusciti a raccogliere, ora riusciamo a farlo: dobbiamo continuare così. Subire un gol come quello che abbiamo subito all'inizio ci ha tolto lucidità, l'Udinese poi copriva bene il campo. Ci serviva più movimento e a volte qualche giocatore vicino a Ibrahimovic. Nel primo tempo abbiamo faticato ma creato occasioni, abbiamo concesso qualcosa ma per la loro brillantezza. Ibrahimovic e la svolta dopo il ko di Bergamo? Lo spirito c'è sempre stato. Quella con l'Atalanta era una partita che non doveva succedere, ma abbiamo reagisto alla grande. L'arrivo di Ibra ha dato più spessore alla squadra, determinazione e convinzione. È stata una settimana molto faticosa, avevo chiesto ai ragazzi una settimana perfetta e l'abbiamo ottenuta. Non vinceremo mai partite facili, dovremo lavorare di squadra per 95', ma ora abbiamo la convinzione di avere il gol. Tante occasioni dell'Udinese? Partita con grande intensità e poca lucidità, siamo stati messi in difficoltà dalla loro fisicità. Non va bene concedere così, ma quando le partite nascono in un certo modo è difficile frenare i giocatori. Per fortuna Gigio Donnarumma è un grande portiere e ci ha dato una mano nel momento importante".