15
Stefano Pioli, allenatore del Milan, è stato intervistato da Milan TV nel postpartita di Milan-SPAL:



“Serata positiva, ci tenevamo a passare il turno e dare continuità alla prestazione di Cagliari, tutti si sono fatti trovare pronti. Le posizioni in campo non sono mai fisse, dipendono dagli spazi da occupare, dobbiamo occupare tutto il campo e fare le scelte giuste, stasera lo abbiamo fatto spesso e abbiamo creato tante occasioni da gol".

MODULO - “Al di là del sistema di gioco, piacciono a voi a me meno, sono importanti i concetti di gioco. Siamo stati più alti coi terzini per creare superiorità sulle fasce. Dobbiamo essere una squadra intensa sia quando abbiamo palla sia quando ce l'hanno gli altri per recuperarla il più in fretta possibile".

NUOVI - “Kjaer e Begovic? Sono due professionisti, due ragazzi consapevoli della situazioni e delle loro possibilità. Abbiamo bisogno di professionalità e di senso di responsabilità, in questo mercato stiamo mettendo tasselli importanti. Il primo è Zlatan e poi questi due ragazzi che ci aiuteranno tanto".

SUSO - In conferenza stampa, Pioli ha aggiunto: "I fischi a Suso? Ho apprezzato moltissimo la risposta della Curva, che lo ha sostenuto dai fischi del resto dello stadio. E' un momento difficile per lui".

PIATEK - ​"Voi datemi l'etichetta che volete, io devo cercare di far rendere al meglio i giocatori. Piatek ha giocato bene, poteva fare anche qualche gol in più. Dobbiamo pensare alla prossima partita, sarà molto difficile. I nostri tifosi sono fantastici e si meritano delle soddisfazioni. Dobbiamo fare in modo. Kris sta lavorando bene, tutte le volte che viene chiamato in causa si fa trovare pronto. Il fatto che giochiamo con le due punte apre ad altre scelte e ad altre possibilità. Piatek con Ibra? Credo che tutto nel calcio sia possibile, però poi bisogna provare”. 

REBIC - “Ha fatto bene e ha fatto giocate di qualità. E' una valida possibilità che abbiamo, è più una seconda punta che un esterno, secondo me".