84
Il problema alla caviglia è solo un ricordo, Ante Rebic è tornato e scalpita in vista della ripresa del campionato. La mezz'ora abbondante nel derby è stata una prima risposta importante dopo le oltre tre settimane di stop, ma ancor più preziosa è stato il lavoro svolto dal croato a Milanello durante la sosta: niente impegni in Nazionale per l'attaccante, ancora fuori dalle scelte di Dalic, che ha potuto così allenarsi per ritrovare la miglior condizione atletica in vista della ripresa del campionato, che vedrà il Milan impegnato nella delicata trasferta di Firenze. La più classica sfida dell'ex per Rebic, già marcatore al Franchi nella sua prima stagione in rossonero e ora alla ricerca di una continuità di gol che a Milano ancora fatica a trovare nella prima parte della stagione: vero che quest'anno ha anticipato i tempi per la prima rete stagionale trovandola a settembre (contro il Liverpool in Champions e, quattro giorni dopo, in campionato contro la Juventus) mentre nel 2020/21 aveva dovuto attendere dicembre inoltrato (contro la Lazio) e addirittura gennaio nel 2019/20 (doppietta all'Udinese), ma quei due gol di settembre risultano anche le ultime due presenze a referto del croato.
INSIDIA LEAO - Riprendere la via della rete e avviare prima del solito quella striscia realizzativa che ha caratterizzato la seconda metà delle prime due stagioni milaniste, intanto Pioli si gode il ritorno di un'arma che offre soluzioni fin qui non pensabili: tra queste anche la possibilità di lasciare a riposo, almeno dall'inizio, Rafael Leao. Alto e continuo il rendimento dell'ex Lille e il tecnico rossonero non ha risparmiato i complimenti nel corso delle ultime settimane, ma ha anche manifestato il rammarico di aver dovuto 'spremere' il 17 rossonero senza mai concedergli tregua, un impegno costante al quale si aggiungono anche quelli con la Nazionale maggiore del Portogallo conquistata per la prima volta lo scorso ottobre. Presto per le definitive prove tattiche, ma il rigenerato Rebic ora dà effettivamente l'opportunità di schierare il croato a sinistra contro la Fiorentina, con uno tra Giroud e Ibrahimovic (già tornato dagli impegni con la Svezia) al centro dell'attacco e dare a Leao un po' di riposo, in vista del fitto calendario di dicembre e gennaio: Pioli ci pensa, Ante scalpita per tornare dal 1'.