Commenta per primo

AAA cercasi bomber di scorta. Il Milan affronterà un mese caldo tra campionato, coppa Italia e Champions, senza Pato, Cassano e Boateng, e con la sola certezza Ibrahimovic. Lo svedese in questa prima parte della stagione ha realizzato 12 gol in campionato e 4 in Europa, contribuendo al secondo posto in classifica e alla qualificazione agli ottavi di Champions. Dietro di lui, a livello numerico, ora che Boateng è ai box per un problema muscolare, resta solo Nocerino, autore di sei gol.  Ecco perchè Allegri fin dal match di oggi a Novara punta molto sulla voglia di reagire di Robinho, la cui casella gol realizzati indica un malinconico 2.

La scorsa stagione, dopo lo scetticismo iniziale, Robinho ha saputo prendersi il Milan, grazie ai gol segnati, 14 in 34 partite di campionato, e al prezioso lavoro di raccordo con il centrocampo. Con lui in campo Milan ha conquistato 77 punti in 36 gare, senza solo 33 in 22. Quest'anno la musica è diversa, Robinho fatica a lasciare il segno e l'attacco del Milan ne risente. Di Robinho quest'anno si ricordano soprattutto gli errori sottoporta, dai gol sbagliati contro Bate Borisov, Genoa e Barcellona fino ad arrivare a quello decisivo nel derby contro l'Inter. E' arrivato il momento di cambiare registro. Con lui in campo la manovra è più fluida e Ibrahimovic gioca meglio, ma al Milan, ora più che mai, oltre ai suoi movimenti, servono i suoi gol.