5
Vigilia di Milan-Genoa, con i rossoneri che si preparano ad affrontare il Grifone in un match più importante per il morale dell'ambiente che per la classifica: il Diavolo è 10°, ha salutato la corsa all'Europa League e si trova in un momento complicatissimo, tra l'imminente cessione del club e il ritiro punitivo imposto alla squadra dopo la sconfitta di Udine.

FORTIFICARE LE MURA AMICHE - Importante ritrovare il successo in casa: le mura di San Siro in questa stagione non sono state particolarmente amiche al Milan, anche se nel girone di ritorno si è visto un leggero miglioramento. Nelle 6 gare giocate al Meazza infatti, i rossoneri hanno racimolato 12 punti, tre vittorie e tre pareggi: il guaio però è che i pareggi sono arrivati in uno scontro diretto per l'Europa (Sampdoria) e contro due squadre che gravitano in zone di classifica più basse (Empoli, Hellas Verona). Fondamentale dunque vincere contro il Genoa per migliorare il trend.

CONTESTAZIONE - Non sono solo i tre punti però a preoccupare Inzaghi e giocatori: la Curva Sud ha annunciato che proseguirà la contestazione contro la società (sospesa solo in occasione del derby contro l'Inter) e questa volta potrebbero anche esserci le prime iniziative contro la squadra stessa, sempre sostenuta finora. Il brutto tonfo contro l'Udinese ha alimentato in maniera importante il malcontento dei fan, che sui social hanno apertamente attaccato allenatore e giocatori ritenuti indegni del nome del Milan.

FA