113
Quella che inizierà domani sarà una settimana importante in casa Milan. Non solo le prime parole marchiate col rosso e il nero, alle 17, di Marco Giampaolo, ma un mercato che entra sempre più nel vivo. Un difensore centrale è una priorità non più procrastinabile, la società ne è consapevole. Seducente e solido, Dejan Lovren è al momento il profilo che più convince Maldini e Massara, pronti a accelerare nei prossimi giorni.

CONTATTI CONTINUI - Classe ’89, 30 anni compiuti il 5 luglio, Lovren piace per fisicità, centimetri e, soprattutto, esperienza internazionale che regalerebbe alla difesa che sogna Giampaolo. I contatti tra il Milan e il difensore croato, tramite le mediazione di Predrag Mijatovic (collaboratore di Vlad Lemic, agente di Lovren) prima e Beppe Riso poi, vanno avanti da tempo. Venerdi Riso è stato in sede per un incontro formale, positivo, ma non incisivo quanto i vertici rossoneri si auguravano. Il croato, solo 11 presenze da titolare nell’ultimo campionato, sarebbe pronto a tuffarsi in una nuova avventura, in un calcio diverso, con un ruolo da protagonista rispetto a quello attualmente ricoperto in Inghilterra.

LIVERPOOL INCERTO - Percorso non impervio con il giocatore, non altrettanto con la società inglese. I Reds, che in un primo momento avevano lasciato intendere di essere assolutamente disposti a lasciar andare senza eccessive remore il croato, hanno fatto qualche passo indietro. Nessun allarmismo in via Aldo Rossi, ma un segnale giunto inaspettato. Valutazioni approfondite, pareri dirigenziali ma soprattutto tecnici, leggasi Klopp: il Liverpool non è più disposto a cedere agevolmente Lovren, per il quale chiede tra i 20 e 25 milioni di euro. Una cifra non banale per un classe ’89, che oltretutto in Inghilterra guadagna circa 5 milioni a stagione. Costi alti, più di quanto i primi sondaggi avessero lasciato intendere. Ma il Milan va avanti, convinto dalla qualità del centrale, e in settimana proverà a stringere i tempi, per capire le reali possibilità di chiusura, in tempi brevi, dell’affare.