45
Mattia Caldara è tornato. Il difensore bergamasco sta bene fisicamente, l'infortunio dell'ottobre scorso è solo un brutto ricordo. Un doppio colpo (lesione al tendine d'Achille e strappo al polpaccio) che ha minato il processo di ambientamento nella nuova realtà rossonera. L'ex Atalanta ha lavorato bene nelle ultime settimane e lancia la sua candidatura per una maglia da titolare nella sfida contro la Lazio prevista il prossimo sabato sera a San Siro.

MUSACCHIO IN AFFANO - Le prestazioni offerte da Musacchio nelle ultime due uscite contro Udinese e Juventus non sono state certo le migliori da quando è arrivato in Italia.  L'esperto difensore argentino è apparso piuttosto in affano, dopo aver tirato la carretta per mesi forse necessita di un turno di riposo. Ecco perchè Gattuso sta pensando di lanciare dal primo minuto Caldara, una tentazione che si porterà dietro fino all'immediata vigilia. Molto dipenderà dalle risposte che avrà dal ragazzo, apparso motivato per quello che sarebbe il suo esordio in A con la maglia del Milan.

GATTUSO RIFLETTE - Sia i tifosi che la società sono molto curiosi di vedere all'opera questo difensore classe 1994 strappato alla Juventus ormai 8 mesi fa. Un investimento importante, dal punto di vista economico,  che va valorizzato e difeso, per il bene del Milan e della Nazionale italiana. Lo sa bene anche Rino Gattuso che riflette: da un lato c'è la volontà di fare qualche cambio rispetto a sabato scorso, dall'altro noni vuole concedere spazio a possibili rischi nella partita che può valere una stagione intera. Qualora il tecnico calabrese dovesse optare per la conferma di Musacchio, allora l'esordio di Caldara sarebbe quasi scontato nella prossima trasferta di Parma.