165
Solo 11 minuti nelle ultime sei sfide disputate dal Milan. Lucas Paquetá è sceso in campo solo nel finale contro la Sampdoria (37a giornata) dopo tre panchine consecutive e la non convocazione con il Parma causa infortunio (33a giornata). Ieri era regolarmente a disposizione di Stefano Pioli, ma è stato in panchina per tutto il tempo nel rotondo 3-0 contro il Cagliari. Un segnale chiaro dell’allenatore rossonero, che ha trovato tutt’altro Milan post lockdown, ma ha ritrovato lo stesso deludente Paquetá. Solo un assist in stagione, 0 i gol in 24 presenze (1191 minuti stando ai dati messi a disposizione dalla Lega Serie A). Un rendimento decisamente al di sotto delle aspettative per il classe 1997, arrivato a gennaio 2019 dal Flamengo per 38,4 milioni di euro.


LE SUE PAROLE - È rimasto sullo stesso livello del pre lockdown, senza mai brillare, nonostante il Milan abbia cambiato ritmo da quando il campionato è ricominciato. Paquetá non è riuscito a incidere, nonostante il passaggio definitivo al 4-2-3-1 con tre giocatori sulla trequarti. Pioli ha trovato la quadra facendo altre scelte e anche ieri ha proseguito sulla stessa linea. Il brasiliano - nonostante i cinque cambi - contro il Cagliari è rimasto a guardare i compagni e nel post-partita ha affidato a Instagram le sue sensazioni dopo l’ultimo impegno stagionale: “Ho sempre saputo che non sarebbe stato facile, comunque arrivare fin qui è stato difficile. Resta l’apprendimento di un anno diverso dagli altri, per tutto ciò che è accaduto! Stiamo bene e in salute con le persone che amiamo, per un prossimo anno di vittorie!! Ringrazio tutti coloro che tifano per me e inviano sempre energie positive! Siete fantastici, grazie per il supporto! Continuerò alla ricerca dei miei sogni e obiettivi! Grazie di tutto Signore!”.

IL PREZZO - Parole di chi sa di aver deluso le aspettative, della società e di Pioli. L’obiettivo del Milan è di cedere il brasiliano nella prossima finestra di mercato, ma non è facile trovare acquirenti e squadre disposte a soddisfare le richieste di Paquetá a livello di ingaggio (guadagna 1,5 milioni di euro netti a stagione in rossonero). Il PSG dell’ex direttore sportivo rossonero Leonardo non si è più fatto vivo dopo gennaio, idem il Benfica, spaventato dalle richiesta del giocatore; la Fiorentina è interessata a Paquetá, ma al momento sono in stand-by i dialoghi per un possibile scambio con Nikola Milenkovic, difensore viola che tanto piace alla dirigenza del Milan. In attesa di sviluppi, il Milan ha fissato il prezzo: servono almeno 21,5 milioni di euro per evitare una minusvalenza, visto che Paquetá ha firmato fino al 31 luglio 2023. Di fronte a un’offerta così, la società rossonera è pronta a cedere il brasiliano. Che si è già espresso con parole dal sapore d'addio dopo il 3-0 al Cagliari...