17
Massimo Oddo, ex terzino del Milan, parla di Alessio Romagnoli al Corriere della Sera: "Quando è arrivato aveva 20 anni e poche presenze in Serie A. Non penso fosse una scommessa, perché prima o poi i giovani bisogna buttarli nella mischia. Di certo la società aveva intravisto le potenzialità e i fatti dimostrano che il profilo era adeguato per il Milan. Abbiamo assistito a una progressiva crescita e tutta la difesa ne ha beneficiato. La fascia di capitano poi lo ha responsabilizzato. Con il tempo è diventato rappresentante dei valori della squadra e non era un peso da poco: i capitani del Milan mica sono stati giocatorini... Lui ha vissuto tutte le fasi di passaggio fra la varie società, ha rinnovato l’estate scorsa quando altri magari scappavano. Mi ricorda un po’ l’esperienza che ho fatto alla Lazio, quando passai da Cragnotti a Lotito, sotto cui divenni capitano. Di certo ha avvertito maggiori responsabilità".