23
Dopo un avvio difficile anche a causa di un complicato infortunio alla caviglia, Marco van Ginkel ha svoltato la propria stagione e ora è un giocatore fondamentale per Inzaghi: 4 su 4 da titolare nelle ultime uscite e un assist all'attivo contro il Palermo. Una crescita esponenziale quella dell'olandese classe '92, crescita che ha fatto rimpiangere al Milan di averlo prelevato dal Chelsea in prestito secco senza diritto di riscatto: i rossoneri ora vogliono trattenerlo, ma non sarà facile convincere i Blues e il giocatore.

MARCO VUOLE IL CHELSEA, MA IL CHELSEA... - Solo ieri l'agente di van Ginkel aveva aperto alla possibilità di restare al Diavolo anche la prossima stagione, ricordando però che l'obiettivo del ragazzo è di riprendersi la maglia del Chelsea. I Blues però non sembrano intenzionati a recuperare il centrocampista: Mourinho infatti non è ancora convinto di volersi affidare al giovane, avendo già due giocatori di qualità ed esperienza davanti alla difesa come Fabregas e Matic. Per questo non è da escludere che lo Special One decida di lasciarlo giocare un'altra stagione lontano da Stamford Bridge, soluzione però che scontenterebbe van Ginkel, che a quel punto preferirebbe una cessione a titolo definitivo.
IL PREZZO E' GIUSTO, FORSE - Il Milan dunque ci crede, l'operazione è possibile, ma attenzione alle richieste del Chelsea: secondo il London Evening Standard, per acquistarlo servono circa 8 milioni di sterline (11 milioni di euro). L'intenzione del club di Abramovic è quella di recuperare l'investimento fatto a suo tempo per prelevarlo dal Vitesse, squadra satellite dei Blues: una cifra non elevata considerando l'età di van Ginkel e i margini di miglioramento, una cifra però al momento non abbordabile per il Milan, almeno al netto dell'imminente cambio di proprietà e dell'arrivo di nuovi investimenti. Galliani però non molla e potrebbe chiudere accontentanto tutte le parti in gioco: prestito con diritto di riscatto a fine stagione, con un esborso economico che comunque non raggiungerà gli 11 milioni chiesti dal Chelsea.

FA