Commenta per primo
Vertice di mercato oggi in Versilia fra Galliani e Allegri. Già ieri se­ra il tecnico milanista ha fatto ritorno a Livorno nel primo pomeriggio, dopo aver diretto l’allenamento mattutino a Mila­nello. Ma sicuramente le 72 ore di relax fra casa e Versilia serviranno al tecnico campione d’Italia per mettere a fuoco gli ultimi giorni di mercato.
 
DUE OBIETTIVI - E’ vero che l’ad Galliani considera « chiusissimo » il mercato del Milan, ma è altrettanto concreto il fatto che, se dovesse capitare l’affare giusto, il plenipotenziario rossonero non si farebbe sfuggire una o addirittura due occasioni importanti. Oltre al possi­bile ritorno di Kakà, c’è sempre l’ipotesi di poter sostituire Flamini che, do­po la severa prognosi (dai 5 ai 6 mesi per recuperare dopo l’infortunio al crocia­to), adesso dovrà decidere dove e quando operarsi. L’eventualità più concreta è legata a una clinica spe­cializzata a Lione.
 
TRIPLETE - Il mercato dove il Milan potrebbe trovare il giocatore giusto al prez­zo... giustissimo è proprio quello spa­gnolo dove Galliani vanta eccellenti rapporti sia con il Barcellona che con il Real Madrid. I nomi sono noti: il malia­no Keita (31 anni) è stato fra i protago­nisti assoluti dell’ennesimo trionfo del Barcellona che venerdì scorso ha riconquistato la Supercoppa d’Europa a Montecarlo. Ma proprio il figliol prodi­go Fabregas (che insieme a Messi ha firmato la doppietta che ha messo kap­paò il Porto) e l’ennesimo astro nascen­te azulgrana Thiago Alcàntara potreb­bero togliere definitivamente spazio al­l’ottimo centrocampista che è in grado di agire a qualsiasi latitudine della li­nea mediana.
 
LOW COST - Considerati gli ottimi rappor­ti (la cessione di Ibra di un anno fa) con il Milan, il Barcellona potrebbe concede­re al Milan un anno di prestito gratuito ( come è accaduto per Ibrahimovic) e Keita, regolamento alla mano, potrà gio­care anche nell’imminente Champions League anche se è già stato utilizzato dal Barcellona nella finale di Supercoppa d’Europa. Considerato il fatto che il Mi­lan deve fare i conti, oltre che con l’infor­tunio di Flamini, anche con la maxi­squalifica di Gattuso, che dovrà diserta­re ben 4 turni nel girone eliminatorio, si tratta di un dettaglio da non sottovaluta­re.
 
RAPPORTO REAL - Sulla lista dei possibili acquisti di Galliani ci sono altri due-­tre nomi eccellenti. Tutti madridisti del calibro di Lassana Diarra ( il contat­to- contratto con il Totten­ham per il momento non si è concretizzato), Pedro Le­on e Khedira. Almeno uno di questi tre centrocampi­sti rischia di essere di trop­po nel Real di Mourinho. Il Milan poi ha a disposizio­ne la terza rata (23 milioni di euro) che deve ricevere per il pagamento di Kakà per poter contrattare con il Real Madrid. Ma per que­sta deroga bisogna attendere l’ok di Ber­lusconi.
 
AQUILANI - Ieri il neo- acquisto milanista si è allenato intensamente. Il suo primo obiettivo è, ovviamente, quello di poter essere disponibile per la prima partita di campionato del Milan in programma sa­bato 10 settembre a San Siro contro la Lazio. Aquilani ieri si è confidato ai mi­crofoni di Milan Channel confermando la sua felicità per la conquista della ma­glia rossonera. Da Liverpool gli è giunto anche un messaggio di augurio anche da parte dei Reds che hanno salutato con grande affetto l’ex-romanista.