110
Per una sessione di mercato che anche per il Milan si chiude ufficialmente stasera, ce n'è un'altra - quella estiva - che a fari spenti è già cominciata. Il club rossonero non si accontenta di vivere il momento di un primato in classifica inaspettato e che ha posto le premesse per una strategia di rafforzamento con investimenti più per l'immediato, ma guarda già alle mosse utili e necessarie per dare continuità al nuovo ciclo inaugurato dalla triade Gazidis-Maldini-Pioli. Un'alternativa a Theo Hernandez sulla sinistra, con Matias Viña primo nome della lista, interessanti occasioni a parametro zero per consolidare e migliorare l'attuale organico senza un grande dispendio di risorse e trattenere gli attuali punti di riferimento: sono queste le priorità nell'agenda della dirigenza di via Aldo Rossi.

IN ANTICIPO - Il mercato non si ferma mai e in quest'ottica vanno considerati gli ultimi sforzi di Paolo Maldini e Frederic Massara per convincere il Palmeiras fresco vincitore della Copa Libertadores a privarsi dell'esterno uruguaiano, strappato proprio al Milan un anno per 5,5 milioni di euro. Valutazione ovviamente moltiplicata dall'ottimo rendimento fornito dall'ex Nacional, ma che non ha assolutamente raffreddato l'interesse della formazione rossonera: in queste ultime ore verrà fatto un tentativo per assicurarsi da subito un calciatore che completerebbe numericamente e qualitativamente la rosa ma, in caso di definitivo rifiuto da parte della società paulista, si cercherà di creare le premesse per impostare un accordo in vista della prossima stagione. Esattamente quelle che gli uomini mercato della capolista della Serie A stanno ponendo per due giocatori che a giugno si libereranno a costo zero: Florian Thauvin del Marsiglia e Otavio del Porto. Due profili considerati funzionali nell'attuale sistema di gioco e promossi in tal senso dallo scouting rossonero. La concorrenza ovviamente non manca, ma Maldini e Massara hanno tutta l'intenzione di bruciare sul tempo le altre pretendenti e strappare il sì dei calciatori con largo anticipo. 
RINNOVI, IL TEMPO STRINGE - Situazioni queste che, per ammissione diretta del direttore dell'area tecnica, hanno messo in stand-by due questioni di strettissima attualità come i rinnovi di contratto di Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu. La scadenza di fine giugno si avvicina pericolosamente, ma dal club rossonero è sempre trasparito un certo ottimismo sul felice esito delle trattative per la volontà comune di trovare un accordo. Più definita la questione del fantasista turco, come dimostrano anche gli ultimi proficui contatti tra le parti che hanno ridotto la distanza tra domanda e offerta, mentre è tutta da impostare l'intesa con Raiola per il portierone di Castellammare di Stabia. Anche l'ultima proposta da 7 milioni di euro viene giudicata bassa dal procuratore - che punta alla doppia cifra - e andrà affrontato pure il tema dell'inserimento o meno di una clausola rescissoria. 


SEGUI L'ULTIMO GIORNO DI MERCATO IN DIRETTA SU CALCIOMERCATO.COM E SUL CANALE TWITCH: TUTTE GLI AFFARI, LE NOTIZIE E I VIDEO LIVE SUL SITO, GLI APPROFONDIMENTI, I COMMENTI E IL PAGELLONE