264
Il Milan ha messo il settimo sigillo sulla sua campagna rafforzamento. Alessandro Florenzi è un acquisto che certamente completa la rosa sotto l'aspetto della qualità, esperienza e carisma. Un giocatore già protagonista della bella cavalcata giallorossa che ha portato la squadra di Eusebio Di Francesco a giocarsi un posto in finale in Champions League. L'ottava e forse nona pedina saranno Bakayoko e Adli. La trattativa per Baka è in fase molto avanzata. Stabilita la cifra per il prestito oneroso, l'ultimo e alto ostacolo è rappresentato dalla cifra per il riscatto. Il Milan non vuole andare altre gli 8 o 9 milioni, il Chelsea chiede una cifra dai 12 ai 15. L'acquisizione del francese non chiude la possibilità dell'arrivo di Yacine Adli, per potenziare ulteriormente il centrocampo, privo di Bennacer e Kessie, impegnati nella Coppa d’Africa, nelle partite fondamentali contro Juventus e Inter, a gennaio e inizio febbraio in campionato. Sarà un acquisto quello di Adli degli ultimi giorni, se il Bordeaux calerà le sue pretese.

Presto per dare un voto a questo mercato. Sarebbe da 9 e mezzo se il decimo sigillo, il trequartista, che si adatti a giocare a destra o il contrario, fosse il grande giocatore che tutti ci aspettiamo. Una pedina di qualità, ma soprattutto funzionale al gioco di Stefano Pioli, come lo era Hakan Calhanoglu, certo non un campione, ma un giocatore che sapeva ben interpretare i dettami tecnici dell'allenatore rossonero. Le ambizioni, i sogni e gli obbiettivi in campionato e in Coppa dipendono da questo ultimo tassello, che deve esaltare una campagna fin qui intelligente e sostenibile. Il Milan del futuro dipende da lui, solo da lui. Non la ciliegina, ma la torta.
Da lui, ma anche dal rinnovo di Kessiè. Ho la sensazioni che gli incontri siano inutili. Il giocatore vuole probabilmente 7 milioni di euro. I dirigenti rossoneri stanno giustamente cercando di trattare. Vedo però una sola soluzione per chiudere l'accordo, fondamentale e obbligatorio per il presente e per il futuro, con uno dei più forti centrocampisti europei: sedersi e accontentare Kessiè e il suo agente. Il Milan ha già perso due giocatori a zero. Conosciamo e abbiamo compreso le dinamiche. Perdere anche l'africano sarebbe insopportabile e ingiustificabile!