70
Situazione veramente insopportabile, quasi paradossale. Perdere un giocatore al giorno, per un lungo periodo poi, porta rabbia  e amarezza. Questo Milan, brillante, divertente, propositivo, spettacolare non merita di veder vanificato i suoi sforzi, in campionato e in coppa, a causa di eventi sfortunati. Non avere la possibilità di  lottare su tutti i fronti, come nella scorsa stagione, per la continua emergenza è veramente frustrante.

Non posso dimenticare quel Castillejo centravanti nella partita di Europa League contro il Manchester United, per mancanza di una punta centrale. Qui ora non si tratta di problemi muscolari, ma di veri e propri accidenti imputabili solo al "fato maligno".

La perdita di Maignan è gravissima, perché è forse il solo giocatore insostituibile della rosa milanista. Tocca ora a Tatarusanu, che, come tutti i secondi portieri assenti da tanto tempo dalla gara, deve ritrovare occhio, sicurezza, fiducia. Guardarlo attraverso la lente del dubbio e dello scetticismo non lo può certo aiutare. Sono sicuro quindi i tifosi lo accoglieranno con un grande applauso, quando entrerà in campo, insieme a Dida, prima di Milan-Verona.

Dopo il portiere francese è toccato a Theo Hernandez, reduce dal trionfo francese in Nations League, che lo ha visto grande protagonista. Il difensore rientrerà presto, magari anche prima della sosta, con l’augurio che il virus non lasci pesanti strascichi nel suo fisico potente. Quello che è capitato a Olivier Giroud, non ancora brillante in allenamento e destinato a lasciare spazio a Rebic ,come titolare sabato sera. Sull’attaccante ex Chelsea però è doveroso aprire una parentesi, perché cominciano a nascere dubbi sulla reale bontà del suo acquisto. Dubbi che non mi toccano perché il vero Giroud è quello visto nelle amichevoli e nelle due prime partite contro Sampdoria e soprattutto Cagliari. Attaccante forte, completo, potente, dalla grande classe e dal buon fiuto del gol. Deve solo ritrovare la brillantezza persa e ritroveremo il grande centravanti che è sempre stato.

Segui tutte le partite di Serie A TIM del Milan su DAZN. Attiva ora
In attesa di capire quale sarà l’apporto di Ibrahimovic sul campo, perché, per quanto riguarda, la sua influenza positiva e fondamentale negli spogliatoi nessuno  la può negare. Anzi vederlo magari in panchina e, per qualche minuto in campo, contro Verona e Porto potrebbe certamente apportare un grande aiuto ai suoi giovani compagni, certamente provati da questa continua situazione di emergenza. Per fortuna sono prossimi i recuperi di Krunic e Bakayoko, certamente utili come ricambi nel prossimo filotto di partite fino al 7 novembre, giorno del derby.

Un aggiornamento sulla situazione dei rinnovi  legati soprattutto alle posizioni di Romagnoli e Kessie, mentre per quanto riguarda Theo Hernadez non si deve dimenticare che il suo contratto scade il 30 giugno 2024, non proprio presto dunque. Comunque resta una questione da affrontare e tentare di chiudere entro la fine della stagione per evitare  altre situazioni già vissute nel passato  e soprattutto anche in questo presente. Per tanti versi, la vicenda Kessie sembra ricalcare quella di Donnarumma. Non vuole firmare. I dirigenti del Milan stanno offrendo la cifra richiesta nel primo colloquio dall’agente Atangana. Sono circa 6 milioni, anche se il procuratore dell’ivoriano sostiene che questa cifra sia stata proposta solo per il quarto e quinto anno del contratto. Secondo “Casa Milan “ la richiesta del centrocampista tocca ora gli 8,5 milioni per cinque anni. Insomma è chiara la assoluta non volontà di continuare l’avventura in maglia rossonera. E’ inutile prendere in giro tifosi e ambiente milanista. Speriamo, come ho detto in altre occasioni, che a gennaio venga annunciata la separazione, con le certezza che Kessie, giocatore serio e dalla alta professionalità, sarà comunque uno dei protagonisti fino alla fine di una stagione, che mi auguro sempre di vertice per i Ragazzi di Pioli.   

Su Romagnoli si è letto di qualche spiraglio, di qualche possibilità di un accordo per gli anni futuri. Certamente non ai 6 milioni, cifra ventilata per un rinnovo del contratto. 

Segui tutte le partite di Serie A TIM del Milan su DAZN. Attiva ora