E se la coppia di terzini del Milan fosse la più forte d'Italia? Leggo di polemiche sull'impiego di De Sciglio con il sacrificio di Cancelo. Leggo di critiche nei confronti di Dalbert,mentre il pur positivo D'Ambrosio non riscuote l'unanimità dei consensi. Gli stessi Hysaj e Ghoulam appaiono affidabili, ma certamente Ricardo Rodriguez e Calabria sembrano avere qualcosa in più, diventando un punto di forza della squadra,allenata da Rino Gattuso.

Il Nazionale svizzero è il giocatore più impiegato dal tecnico milanista, per le sue qualità difensive, ma soprattutto per le sue caratteristiche di difensore propositivo, dotato dal piede necessario per le partenze dal basso volute fortemente da Rino. Riceve qualche critica per la sua mancata spinta sulla fascia, ma sono le precise istruzioni di Gattuso a tenerlo frenato.

Dall'altra parte corre invece Davide Calabria, che sta attraversando il periodo più positivo della sua pur breve carriera rossonera. Forte nell'anticipo, brillante nella corsa, preciso nei cross, è destinato a diventare un punto fermo della Nazionale di Mancini. Sono un lontano ricordo le pause che aveva attraversato nel corso delle passate stagioni. Non male anche le alternative, un vice-Campione del Mondo, Ivan Strinic, un potenziale azzurro come Andrea Conti, questa sera titolare contro l'Empoli, e il vecchio bucaniere Ignazio Abate. Un reparto, quelli degli esterni difensivi di fascia, sul quale il Milan può contare sul presente e sul futuro.

Il loro rendimento regala un contributo fondamentale per la ritrovata saldezza di una difesa, composta da altri Campioni. Donnarumma è ai vertici europei, Romagnoli sta diventando una eccellenza nel suo ruolo, ben coadiuvato da Musacchio e Zapata. Insomma Gattuso, novello Archimede, ha trovato una formidabile leva per sollevare il suo Milan, la difesa!