121
Nodi sciolti, quasi tutti. La serata di mercoledì aveva fatto intendere di essere il preludio alle intese totali. Intese raggiunte giovedì, giorno del definitivo via al valzer di attaccanti tra le alcune big della Serie A. La Juve trova (finalmente) il suo nuovo numero 9: proprio mentre Suarez - ormai ex obiettivo - sosteneva l'esame di italiano a Perugia e iniziava il lungo iter per diventare cittadino comunitario, Milik dava il suo sì alla Roma, sbloccando anche l'operazione Dzeko.

LA GIORNATA E LE CIFRE - Andiamo con calma. Dopo gli accordi dei giorni scorsi tra i club, oggi è arrivata anche la tanto attesa risposta del polacco. Compreso ormai che la Juve non puntava più su di lui, Milik ha aperto alla soluzione Roma: per lui, nella Capitale, pronto un quadriennale da 5 milioni di euro. Al Napoli, invece, 18 milioni di euro più 7-8 di bonus. Decisivo, per sbloccare l'affare, l'incontro della mattinata tra l'agente del giocatore e la dirigenza giallorossa. Un affare che spiana di conseguenza anche la vicenda Dzeko: il bosniaco è ora libero di partire per Torino, l'intesa è totale da giorni su una base di 15 milioni per la Roma e un biennale da 7,5 milioni più bonus per l'attaccante.

COSA MANCA - La giornata di venerdì dovrebbe già essere quella delle visite mediche. Roma e Juve stanno facendo di tutto per accelerare i tempi così da provare ad avere i due giocatori a disposizione per la prima giornata di campionato: giallorossi impegnati sabato sera a Verona, bianconeri di scena domenica sera all'Allianz contro la Samp. Prima del via definitivo, Milik deve risolvere alcune pendenze in essere con il Napoli e firmare il rinnovo di contratto. Un atto formale e consueto per ufficializzare il prestito, visto in tempi recenti anche con Icardi e Tonali: l'accordo verrà prolungato oltre l'attuale scadenza al 2021, ma non sposta di una virgola lo scenario già disegnato per il suo futuro. La Roma, inoltre, vuole certezze sullo stato di salute delle ginocchia del polacco, reduce da due operazioni ai crociati: per lui previsti alcuni controlli a Innsbruck prima della firma. Nella trattativa, infine, due giovani giallorossi dovrebbero percorrere la strada inversa: si tratta di Simone Modugno (attaccante classe 2003) e Samuele Meloni (terzino destro classe 2003). Ultimi dettagli burocratici, l'asse Napoli-Roma-Torino ha trovato la quadra definitiva. Giallorossi e bianconeri si apprestano ad abbracciare Milik e Dzeko.