Milinkovic-Savic rimane un pensiero fisso per il Milan. Perché dopo l'idea irrealizzabile della scorsa estate, il nome del centrocampista serbo è sempre stato presente alla voce 'desideri' di Leonardo, primo estimatore del gigante della Lazio. Sarà determinante la valutazione economica definitiva che farà Claudio Lotito in estate, ancora tutt'altro che certa e scontata: il presidente ha già detto agli agenti di Milinkovic che bisognerà aspettare per fissare la cifra, ad oggi spara alto e non intende fare regali. Ma il Milan c'è, mantiene contatti frequenti con l'entourage, come diversi altri club italiani e stranieri che aspettano segnali dalla Lazio. FATTORE CHAMPIONS - Fondamentale per il Diavolo però è la possibilità di partecipare alla prossima Champions League: il cammino della squadra di Gattuso fin qui è stato eccellente, negli ultimi mesi è arrivata la svolta e adesso la Champions sembra avvicinarsi sempre di più. Un traguardo ancora da centrare, ma determinante per arrivare al primo sì di Milinkovic-Savic che vuole giocare nell'Europa che conta dal prossimo anno. Un fattore decisivo per evitare sorpassi dalle concorrenti agguerrite e studiare l'offerta alla Lazio, un discorso ancora embrionale e fermo a livello di idee per Leonardo. Ma con la Champions il Milan sbloccherebbe la strada per Sergej, entrerebbe nel canale decisivo ovvero la trattativa con Lotito, pronto a dar via a un'altra asta. Sarà una partita a scacchi, il Milan però c'è, si fa sentire e dagli agenti ha ricevuto feedback positivi in caso di qualificazione Champions. Aspettando i traguardi, con Milinkovic sempre tra i pensieri del Diavolo.