Commenta per primo
Resta fortemente in bilico la situazione del Modena (nella foto, lo stadio Braglia), club che ha appena concluso il campionato di serie B e attraversa una burrascosa fase societaria che ne mette a rischio la sopravvivenza.

Mancano infatti solo quattro giorni alla scadenza del 30 giugno, data limite entro la quale dovrà essere presentata l’ammissione al prossimo campionato, ma nessuna soluzione si profila all’orizzonte.

Non risulta infatti che ci siano al momento compratori alla porta del dimissionario presidente Amadei. Lo stato delle cose induce i tifosi a una giustificata disperazione, visto che il disimpegno dell’attuale proprietà rende necessario trovare un nuovo compratore per evitare l’effettiva sparizione del club dal calcio che conta.  

La ristrettezza dei tempi non induce a un ragionevole ottimismo e resta fermo che, se l’iter non sarà perfezionato entro il 10 luglio, il club è destinato a venire cancellato dal panorama professionistico nazionale.

Si aprirebbe a questo punto la lotta per il ripescaggio. E’ di oggi la notizia di un interesse in tal senso manifestato dalla Triestina, appena retrocessa in Prima Divisione di Lega Pro, che il presidente Fantinel intende far riammettere in cadetteria se ve ne sarà la possibilità.