Commenta per primo

Il Modena vince e convince per ottanta minuti, contro un Livorno mai in partita se non negli ultimi dieci minuti, che non bastano ai labronici per ottenere il pareggio.
Subito in vantaggio i canarini; al 9' cross di Nardini dalla destra, palla in area, Stanco anticipa tutti sul primo palo e di esterno sinistro deposita in rete. Primo tempo tutto per il Modena: al 28' assist di Dalla Bona per Greco, sinistro al volo e traversa piena. Al 10' della ripresa ancora Modena pericoloso: girata in area di Greco per la testa di Stanco, para Bardi. Il Livorno si sveglia nel finale; al 48' la palla del pareggio capita a Paulinho, che solo davanti a Guardalben tira alto.

MODENA

Il difensore del Modena, Marco Turati: 'Oggi abbiamo fatto tutti una gara perfetta, di sacrificio. Era la partita che dovevamo fare, sapevamo che c'era da soffrire contro un'ottima squadra come il Livorno, e abbiamo fatto bene. Non conoscevo bene Paulinho, perché negli scorsi anni ha giocato in serie C, ma è davvero un ottimo giocatore, e con il rientro di Dionisi questa sarà una squadra che darà filo da torcere a tutti. Venerdì ad Ascoli sarà una battaglia, bisognerà fare molta attenzione e avere cattiveria su tutti i palloni, perché la serie B è anche questa'.

L'attaccante del Modena, Francesco Stanco: 'Ci parliamo tutta la settimana, per uscire da questa situazione, e oggi abbiamo fatto quello che ci siamo detti, ottenendo i tre punti contro un forte Livorno. Eravamo messi bene in campo, mettendo pressione per gli altri diventa difficile giocare; oggi i meriti vanno a tutta la nostra squadra. Il gol è uno schema che con Nardini proviamo sempre in allenamento, sono riuscito ad anticipare il difensore e a metterla dentro. Credetemi, siamo una bella squadra, e stiamo cercando di uscire da questo brutto avvio di campionato. Oggi abbiamo fatto un bel passo avanti; venerdì ad Ascoli sarà difficilissimo, ma giocando come oggi ci divertiremo'.

LIVORNO

Nessun giocatore del Livorno in sala stampa: l'allenatore Novellino non ha voluto aspettare il proprio turno per parlare.