19
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia"".

Quelli che stiamo vivendo, in tutto il mondo, sono giorni difficili, duri, complicati. Giorni che in pochi di noi avrebbero creduto realmente di vivere: nel corso delle nostre vite abbiamo sentito da nonni e zii i racconti delle guerre, dai genitori quelli dei momenti di sventura vissuti nel nostro paese, ma mai avevamo toccato così da vicino l'emergenza, mai la malattia e la morte ci erano parse così vicine.

UNA FOTO CHE COMMUOVE IL WEB - Per questo l'immagine di Tamara Gorro, moglie di Ezequiel Garay, difensore argentino del Valencia contagiato dal Coronavirus, che chiude gli occhi e bacia il suo innamorato appoggiando le labbra sul vetro della parete che li divide, ha commosso il web; la foto è stata pubblicata su Instagram dalla donna e ricondivisa da Garay, il giorno dopo l'annuncio della positività al tampone.
'UNITE NELLA DISTANZA' - Il bacio è simbolico ma significativo, così come la didascalia di commento: "Uniti nella distanza". Sullo sfondo il calciatore che indossa la mascherina, prima di replicare: "Grazie, ti amo con tutto me stesso. Lei è sempre con me, qualunque cosa accada…". Un gesto semplice, naturale, comune per una coppia che si ama, ma che la malattia ha reso impossibile e nel contempo, proprio per questo, straordinario: l'amore ai tempi del Coronavirus.​

@AleDigio89
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ella siempre conmigo, pase lo que pase... Te amo mucho mi amor. GRACIAS#graciasmivida #G24

Un post condiviso da Ezequiel Garay (@ezequielgaray24) in data: