13
"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia"" .

Uno dei calciatori più amati e iconici in Europa negli ultimi 20 anni. Robin Van Persie è stato di certo eroe d'Olanda, d'Inghilterra e di Turchia. Ma nella sua lunga carriera, costellata di successi, l'"Olandese volante" è stato molto vicino all'approdo in Serie A, sponda bianconera della Juventus: il classe 1983, oggi collaboratore del Feyenoord che cercherà di vincere la Conference League nella finale di Tirana contro la Roma, fu a un passo dalla Vecchia Signora. 

LA JUVE E IL PALMARES EUROPEO, NIENTE MILAN - A svelare il retroscena di mercato è stato lo stesso Van Persie: "Facemmo discorsi seri con la Juve, ma alla fine non è successo niente. Siamo stati molto vicini, ma si sa che queste cose nel calcio accadono. Il Milan non è mai stata una reale opzione nella mia carriera". Ritiratosi nel 2019 con la maglia del Feyenoord, l'olandese vanta oltre 300 gol tra club e nazionale, ma soprattutto numerosi titoli, tra cui la vittoria della Premier League, due Community Shield, una Coppa d'Inghilterra, una Coppa dei Paesi Bassi e una Supercoppa olandese, oltre alla mitica Coppa Uefa con la maglia proprio della squadra della sua città Rotterdam, ultimo trofeo internazionale per il Feyenoord.
IL 15ENNE SHAQUEEL FIRMA COL FEYENOORD - Da un Van Persie all'altro, dal Feyenoord al Feyenoord. Il figlio di Robin, Shaqueel, classe 2006, ha firmato infatti il primo contratto da professionista con il club olandese. Il 15enne attaccante esterno starà a Rotterdam fino al 2025, provando a ripercorrere le orme del padre. La dinastia d'oro continua, e chissà se magari Shaqueel potrà venire in Italia, a differenza del padre. 

@AleDigio89