185
Al Milan la difesa a tre è bandita - dichiarava Vincenzo Montella lo scorso febbraio -. Io non credo nei moduli, ma nei calciatori e nelle proprie caratteristiche. Se poi dobbiamo mascherare una difesa a tre la faremo, come già fatto fin qui”. L’allenatore del Milan nel finale di stagione ha voluto anche sperimentare la retroguardia a tre, contro Atalanta e Bologna. Contro la squadra di Gasperini, Montella ha schierato Gomez, Romagnoli e Zapata. Nella successiva contro i rossoblù, invece, l’allenatore rossonero ha provato Gomez, Paletta e Romagnoli. Il Milan ha pareggiato 1-1 con i nerazzurri e poi vinto 3-0 col Bologna, per poi tornare al 4-3-3 nell’ultima di campionato col Cagliari. Esperimento fallito? Assolutamente no, perché Montella ha chiesto al duo Fassone-Mirabelli un Milan camaleontico, in grado di cambiare sistema di gioco a gara in corso, anche più volte se necessario.

REBUS DIFESA - Gli acquisti fatti sin qui e gli obiettivi di mercato dei rossoneri mandano un segnale chiaro: il 4-3-3 non sarà l’unico modulo che verrà utilizzato nella prossima stagione. Troverà ancora spazio la difesa a tre, molto apprezzata da Vincenzo Montella e utilizzata anche nelle esperienze alla Fiorentina e alla Sampdoria. Mateo Musacchio al Villarreal ha sempre giocato da centrale di destra in una difesa a quattro. Può essere proprio lui, però, il centrale dell’ipotetica difesa a tre del Milan. Alessio Romagnoli ha già giocato da centrale di sinistra a tre, sia in rossonero che in Nazionale, con buoni risultati. Resta da trovare un giocatore in grado di fare il centrale di destra. Cristian Zapata, Gustavo Gomez e Gabriel Paletta hanno offerto un rendimento altalenante e sono sulla lista dei possibili partenti. In caso di cessione di uno o più di questi difensori, il Milan cercherà un nuovo centrale di piede destro, che possa agire in una difesa a quattro, ma anche - e soprattutto - a tre. 
OCCHIO A GONZALO - Ricardo Rodriguez è già arrivato e può giocare da terzino sinistro in una difesa a quattro o da centrale di sinistra in una retroguardia a tre. Andrea Conti è sempre più vicino a vestire la maglia del Milan e nella scorsa stagione si è messo in luce nell’Atalanta di Gasperini da quinto di centrocampo sulla fascia destra, ma al Milan potrebbe agire anche da terzino destro. Tutti gli indizi fanno pensare che i rossoneri alterneranno il 4-3-3 e il 3-5-2, ma chi sarà il nuovo difensore del Milan da schierare (eventualmente) in una retroguardia a tre? Il nome caldo è quello di Gonzalo Rodriguez, svincolatosi dalla Fiorentina e ancora senza una squadra per la prossima stagione. Ha proposte dall’Europa (Lazio e Olympiacos) e dal Sudamerica (Racing), ma aspetta l’offerta migliore. Il suo agente ha già avuto contatti col Milan e la sua esperienza potrebbe far comodo a Montella (che lo ha già allenato a Firenze). Sul taccuino di Fassone e Mirabelli anche i nomi di Simon Kjaer (ex Roma ora al Fenerbahce) e soprattutto Grzegorz Krychowiak, centrocampista in uscita dal Paris Saint-Germain che all'occorrenza può giocare anche da difensore centrale. . Non sono da escludere eventuali sorprese in stile André Silva per la difesa.